Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Russia e Ucraina firmano l’intesa sul grano a Instanbul

Lunedì 25 Luglio 2022
Russia e Ucraina firmano l intesa sul grano a Instanbul

ISTANBUL - Svolta nella guerra del grano ma niente foto insieme né tantomeno strette di mano tra russi e ucraini. Il ministro della Difesa di Mosca Serghei Shoigu e il ministro delle Infrastrutture di Kiev Oleksandr Kubrakov hanno firmato separatamente a Istanbul l'accordo che sblocca l'esportazione di 25 milioni di tonnellate di grano ferme da mesi in Ucraina. Sono Odessa, Chernomorsk e Yuzhny i porti sotto il controllo di Kiev da cui partiranno le navi che si muoveranno in corridoi sicuri, come ha spiegato il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, che era presente oggi alla cerimonia di Istanbul nel sontuoso palazzo Dolmabahce insieme al presidente turco Recep Tayyip Erdogan. "E' una giornata storica - ha esultato il Sultano -. Siamo fieri del nostro ruolo svolto in questa iniziativa che ha risolto la crisi alimentare mondiale. L'accordo di oggi riguarda tutte le nazioni del mondo, dall'Africa all'Asia, ed evita l'incubo della fame globale. Speriamo che riapra anche uno spiraglio per la pace". Il leader turco ha affermato che il traffico di navi nel Mar Nero "inizierà nei prossimi giorni", ma secondo indiscrezioni si dovranno attendere ancora 10 giorni o due settimane affinché il livello del traffico commerciale possa tornare ai livelli precedenti all'invasione russa in Ucraina. "La messa in pratica e la supervisione di questo piano dall'altissima importanza sarà portato avanti da un centro di coordinamento congiunto da istituire a Istanbul", ha spiegato ancora Erdogan.

"Auspichiamo che questi accordi rappresentino un primo passo verso concrete prospettive di pace, in termini che siano accettabili per l'Ucraina", ha commentato il premier Mario Draghi, definendo l'intesa di oggi "un'ottima notizia per tutta la comunità internazionale" e lodando "l'iniziativa di mediazione della Turchia con il ruolo centrale delle Nazioni Unite". Sulla stessa linea il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, che vede nel processo di Istanbul "l'apertura di un corridoio di dialogo, non solo di un corridoio per il grano". Salutata anche da Guterres come un "faro di speranza", l'intesa di oggi non si lega però ad accordi per il cessate il fuoco tra i due fronti, se non nelle zone dei porti menzionati nel testo. Gli ultimi tentativi per arrivare a colloqui di pace si erano tenuti in un incontro tra delegazioni di Mosca e Kiev proprio nello stesso palazzo di Istanbul dove oggi è stato firmato il piano, ma il negoziato si era concluso con un nulla di fatto e da allora sono passati già 4 mesi di guerra. E i bombardamenti in Ucraina non si fermano. Il ministero della Difesa di Kiev ha parlato di attacchi russi in più parti del Paese con l'intensificarsi dei combattimenti nelle regioni di Mykolaiv e Kherson, non lontano dal porto di Odessa nel sud del Paese, mentre si sono registrati sporadici colpi di artiglieria nel nord a Chernihiv e Sumy.

Ultimo aggiornamento: 09:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA