Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Msc crociere, tutti a bordo alla scoperta del pianeta

Venerdì 18 Marzo 2022 di Antonino Pane
Msc crociere, tutti a bordo alla scoperta del pianeta

«Join Msc and see the world». Unisciti a Msc e vivi il mondo. Msc Crociere è un punto di riferimento per l'occupazione giovanile. Un trampolino di lancio che, particolarmente in Campania, permette ai giovani di misurarsi con le proprie ambizioni e guardare alle infinite possibilità che la compagnia dell'armatore Gianluigi Aponte offre praticamente in tutto il pianeta. Diciannove navi da crociera in attività, altre due in costruzione e che entreranno nella flotta entro la fine di quest'anno. Nel mirino c'è il secondo posto tra le compagnie di crociera. Ma la freccia è già accesa e Msc Crociere salirà sul secondo gradino del podio nel giro di pochi anni grazie proprio alle nuove navi già commissionate in Italia, a Fincantieri, e in Francia, ai Cantieri dell'Atlantico. Complessivamente entro il 2030 arriveranno altre dieci navi da crociera nuove, oltre ad altre quattro per il nuovo brand del lusso, Explorer Journeys, un segmento che, con navi di più piccole dimensioni ma con servizi di altissimo livello consentirà di vivere esperienze uniche nelle aree più incontaminate del pianeta. Per questo brand la prima nave, la Explorer I, sarà varata nel 2023. Le altre tre seguiranno una ogni anno.

LA SOSTENIBILITÀ
Dicevamo delle aree incontaminate. Per farle restare tali, e per preservare il più possibile il mare, Msc Crociere ha annunciato che entro il 2050 diventerà una compagnia completamente Carbon Neutral e che favorirà, con Msc Foundation, come già sta facendo ai Caraibi, il ripopolamento delle barriere coralline. E non basta. Msc Crociere già quest'anno varerà la prima nave della World Class, la Msc World Europa, che navigherà con motori spinti dal gas naturale liquefatto, il combustibile più pulito esistente oggi nel mondo. E a Msc World Europa, in costruzione a Saint Nazaire in Francia, seguirà dopo pochi mesi Msc Euribia, anche questa già in costruzione e anche questa spinta dal gnl. La crescita della compagnia, quindi, continua a tappe ravvicinate nonostante il flagello della pandemia che Msc Crociere ha esorcizzato per prima tra le compagnie di crociere con un protocollo di sicurezza straordinario che ha consentito ai suoi ospiti di sentirsi più sicuri a bordo che nelle proprie abitazioni. Basti ricordare che proprio una nave di Msc Crociere, la Msc Grandiosa, è stata la prima nave da crociera al mondo a ripartire dopo il lockdown, il 16 agosto del 2020. E a questa crescita costante la Campania partecipa in maniera straordinaria. Basti pensare che oggi nella sola sede di Napoli di Msc Crociere lavorano 600 persone e che, come Gruppo Msc, solo in Campania si arriva a 1.500 dipendenti. Numeri che diventano ancora più significativi se si considera il fatto che il 50% dei dipendenti ha meno di 40 anni; che il 60% sono donne; che il 90% ha il contratto a tempo indeterminato e solo il 10% è occupato stagionalmente. E con la crescita della flotta è già pronto un nuovo piano di assunzioni: già ora, infatti, Msc Crociere ha 50 posizioni aperte negli uffici in Italia.

GLI ACCORDI
Sempre guardando al futuro, bisogna anche dire che la compagnia è impegnata per supportare i giovani che intendono avvicinarsi al settore delle crociere e del turismo, attraverso accordi con istituti di formazione sia dal lato hotellerie, sia per ruoli tecnici. Gli esempi sono già tanti: in Liguria la compagnia è impegnata nella formazione dei giovani attraverso un accordo con l'Accademia Mercantile Italiana. Inoltre Msc Crociere collabora attivamente con gli Its per le professioni tecniche: è appena terminato un corso di tre anni presso la sede di via Depretis. I ragazzi del corso hanno avuto l'opportunità di seguire a rotazione il lavoro di tutti i reparti. Uno su quattro è già stato assunto.
 

Ultimo aggiornamento: 16 Aprile, 08:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA