Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Tourist Italia, il sorriso
per aprirsi al mondo

Venerdì 22 Aprile 2022 di Ciro Cenatiempo
Tourist Italia, il sorriso per aprirsi al mondo

«Vogliamo vedere la luce negli occhi, personalità, sorriso, motivazione. Sono le caratteristiche che cerchiamo nei nostri collaboratori». Il messaggio è schietto ed è indirizzato ai giovani pronti a inserirsi nel mondo del lavoro. Lo lanciano le sorelle Gianna e Marina Mazzarella, rispettivamente amministratore delegato e responsabile del personale dell'hotel Pagoda, che domina il mini promontorio alle spalle del faro rosso borbonico del porto dell'isola verde. Gianna e Marina, socie di Tourist Italia, sono state le appassionate protagoniste dell'incontro con le classi di accoglienza turistica e grafico commerciale del prestigioso istituto professionale statale «Vincenzo Telese» di Ischia, diretto da Mario Sironi, dove continuano a formarsi addetti e specialisti per l'indotto delle vacanze e della ristorazione. Trenta ragazzi tra i 16 e 18 anni, con la supervisione di Rosario Mastrocola, docente di tecnica della comunicazione, hanno partecipato con attenzione ricca di interesse, testimoniata da domande a raffica e pertinenti, al confronto introdotto da Libera D'Angelo, responsabile Education dell'Unione Industriali partner del progetto.

«Il percorso è breve ma intenso: l'azienda racconta la propria storia e propone esempi di successo. E fornisce un'opportunità concreta: ha scelto di investire su di voi per consolidare il vostro orientamento lavorativo», ha sottolineato Libera D'Angelo rivolgendosi agli studenti. «I giovani sono il cuore delle attività turistiche e il Pagoda ha spiegato Gianna Mazzarella - è un albergo giovane che continua a evolversi: nato come residence, è diventato un albergo di 70 camere che ora stiamo riducendo a 55, trasformando gli interni e rivoluzionando l'approccio, puntando sul comfort e la qualità dei servizi, con la spa e la palestra, per diventare un quattro stelle. Abbiamo sottoscritto un contratto di sviluppo complessivo con altri imprenditori. Il cambiamento è infrastrutturale e organizzativo. Ed è cruciale trasmettere emozioni agli ospiti anche grazie alle persone che li sappiano coccolare, come i nostri Ciro, Salvatore, Mario che amano il proprio lavoro: cerchiamo figure professionali come loro. Ma non è facile trovare personale a Ischia». Una carenza, quest'ultima, che angustia il comparto in ambito nazionale. A Ischia e Procida, platee di provenienza degli alunni del Telese, il gap è pronunciato, mentre si fa strada l'emigrazione in un contesto di incertezze. Di fronte c'è, però, un mare di attitudini e competenze da armonizzare, grazie al contributo della scuola e dell'impresa «da studiare».

«Davvero pensate che sia meglio andare ha chiesto l'amministratrice dell'hotel Pagoda lontano da casa, all'estero? C'è chi ha cominciato come stagista, è il caso di Valentina, che oggi è a capo del ricevimento e, a Natale, diventerà vice direttore. O di Salvatore, prima bagnino, poi cameriere, ora maître. La meritocrazia per noi è un valore vero. Abbiamo bisogno della vostra energia, ed è un fattore di forza, essere di Ischia. Il futuro sarà molto tecnologico: il nostro concierge digitale Luigi fa il paio con la domotica per ottimizzare l'esperienza, in un contesto green nel quale spicca un ristorante fusion che spazia dalla tradizione al gusto internazionale». La promozione, nel segno dell'innovazione, è un fattore essenziale «per invogliare i ragazzi a restare in un territorio ad alta vocazione turistica», ha auspicato il professore Mastrocola. Eloquente, la risposta: al Pagoda si punta sui social e sul marketing integrato, analizzando i flussi e le tratte, in un continuo esame delle scelte dei competitor, tenendo ben presente il revenue management.

«Noi crediamo tantissimo nell'isola ha concluso Marina Mazzarella e la nostra testimonianza è al top. C'è spazio per crescere e c'è bisogno di giovani che sappiamo mettersi in gioco, provando a fare esperienza in ogni settore e ruolo, in modo trasversale. Del resto, come azienda, ci reinventiamo senza soste, giochiamo a offrire qualcosa di diverso, con un'idea di lusso un po' wild e libero, in un'isola che ha tanto da dare a una clientela giovane, garanzia di futuro». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento