​L’Università Parthenope spegne 100 candeline

A CURA DI PIEMME S.p.a - INFORMAZIONE PUBBLICITARIA
Lunedì 15 Giugno 2020
L’Università Parthenope spegne 100 candeline

Un secolo di storia e tradizioni, di ricerca e innovazione, nel segno dell’internazionalizzazione e con un comune denominatore: la passione per il mare
 
Sono 100 le candeline spente dall’Università degli Studi di Napoli ‘Parthenope’ il 30 maggio scorso; era infatti il 1920 quando veniva Istituito il Regio Istituto Superiore Navale che avrebbe studiato il mare "in quanto è, in quanto produce ed in quanto mezzo di scambio"; un secolo di storia per il futuro della conoscenza.

Oggi la Parthenope è un’Università pubblica con sette Dipartimenti integrati nelle Scuole di Economia e Giurisprudenza e di Ingegneria, Scienze e Tecnologie e Scienze Motorie e del Benessere. Una strategia vincente, come testimoniato dai dati: elevato grado di soddisfazione degli studenti e buon tasso di occupazione dei laureati secondo le stime di Almalaurea 2019, lusinghieri risultati dell’accreditamento da parte dell’Agenzia Nazionale di Valutazione dei Sistema Universitario e della Ricerca (ANVUR), progressi nella Valutazione della Qualità della Ricerca (VQR) ed un sensibile aumento degli iscritti al primo anno, secondo dati ministeriali; infine è di pochi giorni fa la pubblicazione del ranking delle università internazionali stilata dal ‘Centre for World University Rankings’ (Cwur) secondo la quale l’Università Parthenope si posiziona tra le prime 1.000 università al mondo, ossia nel top 5%.

Un percorso che l’Ateneo avrebbe voluto celebrare con un ricco calendario di eventi, rinviati a causa dell’emergenza dettata dal Covid-19. Ma l’Università non si è fermata ed ha deciso di raccontarsi attraverso la realizzazione di un sito interamente dedicato al centenario (centenario.uniparthenope.it), un archivio storico, un video corporate, una mostra permanente a Villa Doria e sono ancora tante le iniziative in cantiere. Anche la didattica non si è fermata nel periodo di lockdown: “in questi ultimi mesi – ha sottolineato il Rettore Alberto Carotenuto - abbiamo trovato, grazie all’informatica, mezzi alternativi per la formazione a distanza. Non ci siamo arresi ed abbiamo imparato a pensare fuori dagli schemi, per tutelare gli studenti ed il rapporto con loro. Siamo cresciuti insieme”. 

LA PARTHENOPE SI RACCONTA
Con oltre 10 mila studenti, 346 docenti e ricercatori, 32 corsi di studio, 6 master, 1 scuola di specializzazione, 11 corsi di dottorato, 1500 partner pubblici e privati per i tirocini curriculari ed extracurriculari, la Parthenope è diventata un punto di riferimento nel panorama territoriale.
Oggi L’Ateneo ospita i suoi studenti in strutture ben attrezzate: la storica sede del Rettorato in via Acton, con la Biblioteca e il Fondo Borbonico che ospita 5.000 volumi a stampa pubblicati fin dal XVI secolo, punto di riferimento per il Dipartimento di Scienze Motorie e del Benessere, che ha una ulteriore sede in via Medina ed a breve avrà a sua disposizione anche una struttura in Piazza Neghelli; lo splendido Palazzo Pacanowski a Monte di Dio, la cui vista mozzafiato a picco sul mare incanta gli studenti della Scuola di Economia e Giurisprudenza; la sede al Centro Direzionale con i laboratori all’avanguardia dei Dipartimenti di Ingegneria e Scienze e Tecnologie; la maestosa Villa Doria d’Angri, sulla collina di Posillipo, sede di Master e di corsi specifici, di incontri scientifici oltre che del museo del mare con i suoi modelli di antichi velieri e  la moderna residenza universitaria nel campus di San Giovanni.

I CORSI DI NUOVA ATTIVAZIONE
Da quest’anno sarà riattivata la sede di Nola con il Corso di Laurea Triennale in Economia e Management. Sempre nell’ambito della Scuola di Economia e Giurisprudenza partirà il Corso di Laurea Magistrale in Fashion, Art and Food Management che verte su alcuni dei temi più correnti del mondo dell’industria. Il percorso di Scienze Motorie e del Benessere si arricchirà di un Corso di Laurea Magistrale in ‘Progettazione dei servizi educativi, formativi, ‘media education’ e tecnologie per l’inclusione nei contesti formali e non formali’ ed il Dipartimento di Scienze e Tecnologie promuoverà il nuovo ed attualissimo Corso di Laurea Magistrale in ‘Biologia per la Sostenibilità’.

L’INSERIMENTO NEL MONDO DEL LAVORO IN ITALIA ED ALL’ESTERO
L’Ateneo favorisce l’inserimento dei laureati nel mondo del lavoro promuovendo ogni anno career day e workshop con aziende nazionali ed internazionali ed eroga contributi finanziari tra i più alti d’Italia a favore di studenti e laureati per lo svolgimento di tirocini nel Paese o all’estero. Provengono da più 20 nazioni gli studenti incoming, sono 400 le borse di mobilità outgoing e oltre 150 gli accordi di collaborazione con le Università straniere come quello con il MIT di Boston, nell’ambito di un programma che studia innovative strategie di sviluppo territoriale. Quest’anno inoltre l’Ateneo ha ricevuto il prestigioso riconoscimento della Cattedra UNESCO in ‘Ambiente, Risorse e Sviluppo Sostenibile’, il cui obiettivo generale è di costituire un centro di eccellenza internazionale nei settori delle scienze ambientali, dell’ecologia e dello sviluppo sostenibile.

LA RICERCA E L’ INNOVAZIONE TECNOLOGICA
L’attività di ricerca è centrale nella vita dell’Ateneo che da oltre trent’ anni è punto di riferimento italiano delle ricerche oceanografiche in Antartide, svolte nell’ambito del ‘Programma Nazionale di Ricerche in Antartide’. L’ Ateneo si distingue anche per lo studio di prototipi alimentati ad idrogeno per la mobilità sostenibile, per il centro di previsioni meteo-marine, ed ancora per l’utilizzo di nuove tecnologie, come i satelliti ed i robot subacquei filoguidati, lo studio dell’ambiente mediante il video monitoraggio realizzato attraverso GPS, telecamere e droni, l’osservazione dello spazio e delle origini della Terra con i docenti di astrofisica. Di rilievo internazionale le ricerche e gli studi economici, manageriali e giuridici. Un panorama ampio, variegato ed al passo con i tempi per formare con consapevolezza i professionisti del domani.
 

Ultimo aggiornamento: 5 Novembre, 16:15