Angelina Jolie e Brad Pitt, lo scontro sul vino “Brangelina”

Giovedì 8 Luglio 2021
Ancora incomprensioni per l'ex coppia di Hollywood

Da amore da favola a litigi burrascosi il passo è breve. L’ex coppia formata dall’attrice Angelina Jolie e dall’attore-regista Brad Pitt, un tempo definita “perfetta”, appare sempre più “scoppiata”.

 

Ancora incomprensioni e, stavolta, per un prodotto creato assieme: il vino Brangelina del Chateau Miraval in Provenza sembra essere l’ultimo motivo di scontro tra l’ex coppia iconica di Hollywood.

Secondo quanto riportato da “Il Tempo”, Jolie si è rivolta a un giudice di Los Angeles per poter vendere la sua quota dell’azienda vinicola che possiede con l’ex marito. Nella petizione presentata dall’attrice premio Oscar viene chiesta la rimozione di un ordine restrittivo temporaneo sui loro beni automaticamente in vigore dall’inizio della procedura di divorzio, partita nel 2016 per iniziativa della Jolie. Un atto legale necessario per consentire a Jolie di vendere la sua società, Nouvel LLC, con sede nel Lussemburgo collegata al vigneto del Chateau Miraval, il nido d’amore comprato con Pitt nel Sud della Francia nel 2011, che ormai produce vini di successo.

 

Michelle Hunziker, vacanze vip con Ilary Blasi e Nicola Savino. Il commento di Francesco Totti

 

L’azienda di proprietà di Pitt, la Mondo Bongo LLC è azionista del vigneto al 50%, la stessa quota di quella detenuta dall’ex moglie.

Sembrerebbe che Jolie non voglia più essere il «socio in affari riluttante e ignorato», ma finora non è stata in grado di costringere il suo ex marito a comprarla. I due, legalmente divorziati dal 2019, non avrebbero ancora mai trovato un accordo sul business del vino, ma, secondo il suo team legale, Jolie arebbe trovato un acquirente da parti terze al quale vendere l’azienda Nouvel LLC.

© RIPRODUZIONE RISERVATA