“Capri, Hollywood”: parata di divi e un premio a Mario Martone

Mario Martone, regista, premiato a Capri, Hollywood
Mario Martone riceverà il premio Master of Cinematic Art nella giornata inaugurale di “Capri, Hollywood - The International Film Festival (giovedì 27 dicembre). L'autore partenopeo sarà premiato dal chairman Lee Daniels e dalla presidente del Festival Noa al Cinema Paradiso di Anacapri insieme con Marianna Fontana e Antonio Folletto,  premiati com Attori del futuro, protagonisti del film Capri-Revolution scritto con Ippolita Di Majo, dal 20 dicembre nelle sale.

L'omaggio a Martone sarà preceduto dall'inaugurazione di una mostra fotografica di Mario Spada alla Certosa di San Giacomo di Capri promossa dall'Istituto Capri nel mondo insieme al Polo Museale Napoletano del Mibact. Una galleria di scatti realizzati sul set del film che, nell'immaginario di Martone e della Di Majo, prese il via nel 2014 quando la coppia di artisti venne nell'antico monastero per ritirare il
Capri Award per il film Il giovane favoloso e rimasero colpiti dai quadri che il pittore Karl Diefenbach aveva creato sull'Isola azzurra all'inizio del Novecento.

Anche il regista Amos Gitai, tra gli ospiti della 23esima edizione di
“Capri, Hollywood” che quest'anno sarà inaugurata dall'anteprima europea del film Vice di Adam McKay, interpretato da Christian Bale, prodotto da Brad Pitt e candidato a 6 Golden Globes.

Accompagnato da Noa, il 28 dicembre, Amos Gitai ritirerà il premio Capri Award alla carriera e mostrerà al pubblico il  film
A Tramway in Gerusalem. Un'opera molto discussa in cui il  regista racconta che la vita nella linea tramviaria di Gerusalemme che collega diversi quartieri, da est a ovest, e permette l'incontro tra persone di differenti estrazioni sociali. Si va dai quartieri palestinesi di Shuafat e Beit Hanina fino a Mount Herzl.

Assistiamo a frammenti di vita, di conflitti, di riconciliazioni che propongono uno spaccato della società israeliana in cui si convive, per la breve durata di un percorso, con persone e pensieri talvolta simili ma spesso differenti. 

Il nome di Amos Gitai si aggiunge al lungo elenco di protagonisti del cinema mondiale che interverranno alla kermesse. Tra questi Matteo Garrone il cui recente film
Dogman riceverà il Capri Award - Film europeo dell'anno in attesa del responso dell'Academy che sta valutando le opere per la short list e la successiva cinquina per l'Oscar come miglior film in lingua straniera. A Capri Hollywood 2018 anche il brillante attore regista Eli Roth premiato il 30 dicembre come Master of fantasy per il suo ultimo film ll mistero della casa del tempo con Jack Black e Cate
Blanchett.
Domenica 9 Dicembre 2018, 21:30 - Ultimo aggiornamento: 09-12-2018 21:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP