Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cocaine bear, arriva il film (tratto da una storia vera) sull'orso cocainomane che sconvolse l'America

Martedì 3 Maggio 2022 di Ilaria Ravarino
Cocaine bear, arriva il film (tratto da una storia vera) sull'orso cocainomane che sconvolse l'America

Un orso bruno in piena “botta” di cocaina, che vaga per la foresta in preda alla furia dopo aver mangiato 30 chili di polvere bianca: sembra il copione di un film horror anni Ottanta, e invece è la realtà. Un fatto vero, accaduto appunto nel 1985 in Georgia, che diventerà un film per la regia di Elizabeth Banks, previsto in sala nel febbraio 2024.

L'orso Juan Carrito e la passeggiata notturna ripresa dalle telecamere di Pescocostanzo

Tratto da una storia vera

La storia, raccontata per la prima volta da un reportage del New York Times, accadde nel settembre del 1985, quando un aero pilotato da un trafficante di droga – l’ex ufficiale della narcotici Andrew C. Thornton II - si schiantò nel Kentucky con un carico da 14 milioni di dollari in cocaina. Circa tre mesi dopo, nella Chattahoochee National Forest in Georgia – poco lontano dallo schianto – fu scoperto il cadavere di un orso bruno da una tonnellata, circondato da 40 pacchetti di plastica strappati, che contenevano tracce di cocaina, per un totale di 31,8 chili di sostanza. «Il suo stomaco era letteralmente pieno fino all'orlo di cocaina – disse il medico legale dopo averlo analizzato - Non c'è un solo mammifero sul pianeta che avrebbe potuto sopravvivere: emorragia cerebrale, insufficienza respiratoria, ipertermia, insufficienza renale, insufficienza cardiaca, ictus. Quell' orso deve averle avute tutte».

La storia ebbe una tale risonanza che il cadavere della bestia fu messo all’asta e venduto prima alla leggenda della musica country Waylon Jennings, poi al miliardario di Las Vegas Ron Thompson, infine all’imprenditore Zhu T'ang, proprietario di un negozio di medicina tradizionale cinese, che nel 2016 l’ha restituito al Kentucky, che oggi lo espone in un centro commerciale a nord della città di Lexington. Il film di Banks, già regista di Pitch Perfect 2 e Charlie's Angels 2, prova a immaginare cosa sia accaduto all’ orso prima della morte per overdose, raccontandone la deriva rabbiosa e sanguinaria, mentre un gruppo composto da poliziotti, criminali, turisti e adolescenti cercano di dargli la caccia. La sceneggiatura di Cocaine Bear, ispirata al reportage del New York Times, è firmata da Jimmy Warden, mentre faranno parte del cast Keri Russell, Margo Martindale, Ray Liotta e Alden Ehrenreich. A produrre sarà la Universal.

Ultimo aggiornamento: 13:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA