Marco Pantani, il film sul Pirata al cinema: una pellicola a metà fra thriller e inchiesta

Venerdì 9 Ottobre 2020

A 16 anni dalla scomparsa del Pirata Marco Pantani, finalmente un film porta sul grande schermo la sua storia. Oggi esce una clip esclusiva del film Il caso Pantani in uscita al cinema il 12-13-14 ottobre.  

 

Il caso Pantani è una pellicola che si presenta a metà fra un noir contemporaneo, un thriller e un film d'inchiesta, un biopic. La ricostruzione della vita del campione di ciclismo romagnolo intende svelare particolari inediti sulla sua morte. «Marco Pantani è stato ucciso due volte: a Madonna di Campiglio, vittima di una provetta manipolata e dalla criminalità organizzata e a Rimini, cinque anni dopo, dove verrà trovato solo, disteso a terra, a petto nudo, il giorno di San Valentino», si legge nella sinossi del film.

 

La storia di Marco, l'atleta diventato mito, viene raccontata in tre atti da tre attori diversi, ripercorrendo tre fasi determinanti della sua breve vita: Cesenatico, Madonna di Campiglio, Rimini. Tre interpreti (Marco Palvetti, Brenno Placido, Fabrizio Rongione)  un solo uomo. Eppure quel mito è stato macchiato da una morte tragica e dalle speculazioni conseguenti. «Una vittima che non ha ancora avuto giustizia. È la storia di un uomo appassionato e tenace e delle sue contraddizioni. Una storia che merita di essere raccontata».

 

«Si tratta forse del film più documentato scritto sulla figura del Pirata durante gli ultimi anni che vanno dal 5 giugno del 1999 a Madonna di Campiglio fino alla tragedia di Rimini, il 14 febbraio di cinque anni dopo», dichiara il regista Domenico Ciolfi. «Ho pensato a questo film con la volontà di raccontare al pubblico il dramma personale di un uomo, la cui vicenda si lega indissolubilmente a quella della sua terra, la Romagna. Marco Pantani è stato ed è ancora un fenomeno sociale, amato, seguito, invidiato, "chiacchierato". La storia di Pantani è un racconto che si snoda lungo la cronaca del nostro paese tra interessi economici, criminalità organizzata, traffico di stupefacenti, scommesse clandestine, leggende della malavita. Ma è anche la narrazione della vita di un semplice ragazzo di mare e delle sue imprese sulle vette più alte d'Europa. Dei suoi sogni, della sua incredibile voglia di vivere». 

Ultimo aggiornamento: 17:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA