Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

“La casa sul mare”, tra ecologia e sostenibilità:
il corto di animazione già a Venezia e Locarno

Sabato 21 Maggio 2022 di Enrica Buongiorno
“La casa sul mare”, tra ecologia e sostenibilità: il corto di animazione già a Venezia e Locarno

Un cortometraggio di animazione tutto made in Campania sulla sostenibilità. “La casa sul mare” è un film ispirato alla mitologia e alla fiaba, ufficialmente già in concorso al Festival di Venezia e Locarno. Protagonista è Pip, un piccolo uomo che vive in una città gigante e ipertecnologica. Un improvviso terremoto fa cadere nell’oceano la sua casa che, galleggiando, comincia ad allontanarsi dalla città. Questo porterà Pip ad affrontare un’avventura nel crudele ma magnifico oceano. Durante questo viaggio, Pip, regredirà ad una condizione di vita primordiale che gli permetterà di sopravvivere e raggiungere una spiritualità oramai persa a causa dello stile di vita urbano. Nel film non sono presenti dialoghi e tutto è narrato attraverso animazione e musica, ed i temi affrontati, oltre quello del viaggio fisico e spirituale, sono quelli dell'ecologia e del ritorno alla natura, mostrando la necessità dell'essere umano di doversi spingere oltre i propri limiti per poter migliorare sè stesso.

«La casa sul mare parte da l'idea di creare un mito moderno, con un eroe amante della natura in un mondo ipertecnologico. La vicinanza di Pip alla natura è la sua grande forza che gli permette di compiere la sua avventura. Credo sia estremamente importante per noi fare lo stesso passaggio che fa il protagonista, comprendere la natura e rispettarla per poter vivere con essa», ha commentato il regista Fulvio Davide Ricca.

La storia si basa sugli studi di Joseph Cambell (L’Eroe dai mille volti) e di Vladir Propp (Morfologia della Fiaba). L’obiettivo è di creare un racconto contemporaneo sulla scoperta e la crescita personale. Pip è un uomo goffo ma agile (sulla falsa copia di Buster Keaton e Harold Lloyd), un eterno bambino che è costretto a diventare grande in un mondo che non lo capisce. Il team Turtle Studio ha utilizzato l’animazione 2D classica, con innesti 3D, che si presta perfettamente con la tematica del racconto. La durata del film è di 15 minuti ed è prodotto da Antracine SRL, e co-prodotto da TVCO SRL e Rain Dogs.

© RIPRODUZIONE RISERVATA