Abruzzo in lutto per la morte di Gigliola Fantoni, moglie di Ettore Scola

Abruzzo in lutto per la morte di Gigliola Fantoni, moglie di Ettore Scola
Abruzzo in lutto per la morte di Gigliola Fantoni, moglie di Ettore Scola
di Sonia Paglia
Mercoledì 28 Settembre 2022, 08:41 - Ultimo agg. 17:23
3 Minuti di Lettura

Pescasseroli è in lutto per la scomparsa di Gigliola Fantoni, moglie del regista Ettore Scola. E' deceduta nella sua casa romana, all'età di 93 anni, circondata dall'affetto delle figlie, Silvia e Paola. La cerimonia funebre, come da sua volontà, sarà celebrata in forma privata. «Il sindaco Giuseppe Sipari, la giunta, il consiglio e tutta la comunità- si legge nella nota del Comune- partecipano con profondo cordoglio al dolore della famiglia Scola per l'improvvisa scomparsa della cara Gigliola, regista, sceneggiatrice e compagna per una vita di Ettore Scola. A Paola e Silvia l'abbraccio grande della nostra comunità».

La Fantoni, nata a Roma nel 1930, era regista e sceneggiatrice. Se ne è andata a quasi sette anni di distanza dal marito, morto nel 2016. Insieme a Scola ha trascorso gran parte della sua vita a Pescasseroli, capitale del Parco. I due registi, negli anni Sessanta, acquistarono una grande villa immersa nel verde, dove venivano ospitati personaggi del mondo del cinema, dello spettacolo e della politica. E non solo, alcune scene dei film di Scola, come C'eravamo tanto amati, sono state girate a Forca d'Acero. Scola e Fantoni, amavano oltremodo la natura e la montagna di Pescasseroli. Scola, a differenza della moglie, era un po' pigro. Infatti preferiva spostarsi in automobile per raggiungere la piazza del paese. A lui è stata intitolata la sala cinematografica, la prima in Italia, a portare il suo nome. E fu proprio Scola, all'epoca, a manifestare contro la vendita del cinema Rinascimento, riuscendoci. E ancora lui, negli anni 70, organizzò, sempre a Pescasseroli, il Festival dell'Unità. I due erano spesso accompagnati dall'amico sceneggiatore e soggettista, Agenore Incrocci, in arte Age, sepolto nel cimitero di Pescasseroli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA