Rose McGowan, il colpo all'amica Asia Argento: «Sii onesta, non essere come Harvey Weinstein»

Rose McGowan, il colpo all'amica Asia Argento: «Sii onesta, non essere come Harvey Weinstein»
ARTICOLI CORRELATI
di Simone Pierini

0
  • 45
«Fai la cosa giusta. Cerca di essere onesta. Cerca di essere la persona che avresti voluto fosse Harvey (Weinstein)». Così Rose McGowan si rivolge ad Asia Argento, ormai ex amica, accostandola all'uomo che più di tutto le ha unite nell'intento di distruggerlo.

Asia Argento tradita da Rain Dove: chi è la «talpa» che ha diffuso gli sms sulle molestie​

Jimmy Bennett rompe il silenzio: «Ho taciuto perchè mi vergognavo»​



Marina La Rosa: «Anche le donne molestano. Sesso in cambio di lavoro? In tante ci stanno...»

In una lunga dichiarazione, come si legge su 'Variety', l'attrice americana ha rotto il silenzio su Jimmy Bennett, su ciò che sapeva, su come abbia scoperto che la persona con la quale nell'ultimo anno ha condiviso la sfida di MeToo, contro le molestie e le violenze sulle donne, avrebbe pagato l'attore. «È triste perdere un’amica - dice ancora - ma lo è ancora di più quello che è successo a Jimmy Bennett», sottolineando di non essere «complice» di tutto questo.

L'accusa del comico inglese Jeff Leach: «Mi mandò dei video in topless»

Nella sua dichiarazione, l'attrice americana racconta di come Asia Argento abbia ammesso con la sua compagna Rain Dove di essere andata a letto con Bennett. E di come comunque la sua amicizia con lei non le impedirà di difendere vittime come lui. La McGowan ha fatto inoltre sapere che l’attrice italiana avrebbe ammesso che Bennett gli mandava sue foto nudo da quando aveva 12 anni e che, una volta venuta a conoscenza dello scambio di messaggi tra Rain Dove e la Argento, avrebbe sostenuto la sua compagna perché si rivolgesse subito alla polizia.



La McGowan racconta anche di come abbia presentato Rain ad Asia Argento il mese scorso, tre giorni dopo la morte di Anthony Bourdain, di come durante un loro viaggio a Berlino la sua amica le avesse accennato al fatto che veniva sottoposta a estorsione per una grossa somma di denaro: «Nessuno nella stanza sapeva chi fosse l'estorsore. Ora sappiamo che si riferiva a questo caso».

«Asia eri mia amica. Ti ho voluto bene. Hai speso e rischiato molto per sostenere il movimento MeToo. Spero davvero che tu trovi la via per questo processo di riabilitazione. Chiunque può essere migliore. Spero possa esserlo anche tu», ha concluso l'attrice americana.
Mercoledì 29 Agosto 2018, 14:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP