Toni D'Angelo rifà Milano calibro 9: «La mia 'ndrangheta gangster movie»

di Diego Del Pozzo

Quentin Tarantino considera «Milano calibro 9» di Fernando Di Leo il più bel film poliziesco italiano di sempre. Così, anche il regista di «Pulp Fiction» sarà felice di sapere che il violento poliziottesco del 1972 tratto dai racconti di Giorgio Scerbanenco e interpretato da Gastone Moschin, Barbara Bouchet e Mario Adorf avrà un seguito ufficiale, intitolato semplicemente «Calibro 9» e diretto dal cineasta di origini napoletane Toni D'Angelo (papà è il celebre Nino senza giacca e cravatta), che ha iniziato a girarlo l'altroieri mattina a Catanzaro, con la produzione di Minerva Pictures, Rai Cinema, Gapbuster e il sostegno di Mibact e Calabria Film Commission.

La troupe sarà impegnata nella città calabrese per le prossime due settimane, prima di trasferirsi a Milano e poi in Belgio, ad Anversa. Protagonisti sono Marco Bocci, Michele Placido, Ksenia Rappoport, Alessio Boni e Barbara Bouchet, che riprende il suo storico ruolo della ballerina sexy Nelly Bordon, l'amante del marmoreo criminale Ugo Piazza del compianto Moschin, mentre per motivi di salute è saltato l'annunciato coinvolgimento del quasi ottantanovenne Adorf.

D'Angelo, lei è un amante del poliziesco italiano anni '70, al quale ha guardato anche per il suo precedente «Falchi». Come mai ha scelto di girare il sequel proprio del film di Di Leo?
«L'idea nasce dal mio produttore Gianluca Curti, che aveva da sempre il sogno di dare un seguito a Milano calibro 9, film prodotto dal padre Ermanno. Quando mi ha proposto di dirigerlo, ho accettato subito perché considero la trilogia poliziottesca di Fernando Di Leo, composta anche da La mala ordina e Il boss, un esempio di grande cinema. Purtroppo, in Italia, i grandi registi come lui vengono riscoperti sempre quando è troppo tardi».
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 26 Giugno 2019, 12:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP