Will Smith bandito dagli Oscar per 10 anni: mano dura dell'Academy Award dopo lo schiaffo a Chris Rock

Ad annunciare la decisione del Board sono stati il presidente David Rubin e la Ceo Dawn Hudson dopo l'episodio alla cerimonia del 27 marzo

Venerdì 8 Aprile 2022
Will Smith bandito dagli Oscar per 10 anni

La scure dell'Academy si è abbattuta su Will Smith per lo schiaffo in diretta tv al comico Chris Rock che aveva appena fatto una battuta infelice sulla testa rasata di sua moglie Jade Pinkett. Il neo-premio  Oscar  per «King Richard - Una Famiglia Vincente» non potrà partecipare alle prossime dieci edizioni della 'notte delle stellè, nè ad altri eventi organizzati dall'Academy per lo stesso arco di tempo. Smith, che ha accettato «rispettandola» la decisione del Board, si era dimesso il primo aprile dall'Academy, spuntando in questo modo l'arma che i 54 Governatori del massimo organo di governo di Hollywood avevano in tasca per punirlo di aver guastato la serata più importante dell'anno per il cinema americano. 

Will Smith, dimissioni dall'Academy Oscar dopo lo schiaffo: «Accetterò ogni conseguenza»

 

Will Smith bandito dagli Oscar per 10 anni

L'attore non sarà d'altra parte privato dell'Oscar conquistato soltanto 12 giorni fa e potrà essere candidato in futuro e vincere altre statuette: questo potrebbe accadere già il prossimo anno se gli studi Apple non si sfileranno dal suo prossimo progetto, il thriller sulla schiavitù «Emancipation» diretto da Antoine Fuqua, che dovrebbe uscire nei prossimi mesi. I membri del Board, tra questi luminari di Hollywood come Steven Spielberg, Whoopy Goldberg, Laura Dern, Ava DuVernay e Rita Wilson, si erano riuniti in sessione di emergenza via Zoom per deliberare come punire la violazione degli standard di condotta interna emanati sulla scia dello scandalo delle molestie sessuali di Harvey Weinstein.

 

 

Alla vigilia della riunione erano circolate voci di una spaccatura tra i Governatori sull'opportunità di revocare il premio a Smith, ma questa strada è apparsa presto non percorribile anche alla luce del fatto che la stessa misura non è mai stata presa: nè per l'ex boss della Miramax, condannato a 23 anni per aggressioni e stupri, nè per il regista Roman Polanski, latitante in Francia dal 1978 per timore di finire dietro le sbarre per un caso di violenza sessuale su una minore. Nel pronunciarsi contro Will Smith, l'Academy si è a sua volta cospersa il capo di cenere: «Durante la diretta non abbiamo affrontato la situazione come avremmo dovuto. Per questo ci scusiamo. Sarebbe stata l'opportunità per dare un esempio ai nostri ospiti e ai nostri spettatori, ma abbiamo fallito, rimanendo impreparati di fronte a un fatto senza precedenti

 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 9 Aprile, 01:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA