Una crocifissione femminile all'asta: Maurizio Cattelan torna a far discutere

Giovedì 30 Gennaio 2020
Una crocifissione femminile all'asta: Maurizio Cattelan torna a far discutere

Una crocifissione al femminile di Maurizio Cattelan torna a far discutere. L'artista, 60 anni, per eccellenza l'italiano contemporaneo "politicamente scorretto" per definizione, si appresta nuovamente a fare scalpore con una controversa opera che sarà battuta all'asta da Sotheby's martedì 11 febbraio a Londra con una stima tra 600.000 e 800.000 sterline: si tratta di "Untitled" del 2007, un lavoro in resina, pittura, capelli umani, tessuti e legno che rappresenta una sorta di crocifissione al femminile.

Già proveniente dalla Galleria Perrotin di Parigi, "Untitled" è stata esposta a New York al Solomon Guggenheim nel novembre 2011 al centro della sala principale, nel corso della mostra antologica dedicata all'artista padovano.

Sgarbi: «La banana di Cattelan è un atto di desistenza sessuale»

Il lavoro, spiega Sotheby's in un comunicato, provoca angoscia e sensazione di morte e il tutto è accresciuto dalla posizione del corpo: «a schiena della donna, infatti, è rivolta verso il pubblico e i piedi, visibilmente sporchi, ricordano allo spettatore che prima la figura camminava sulla terra, tra di noi, se non vogliamo disturbare
Caravaggio…».

Si sono mangiati la banana da 120 mila dollari di Maurizio Cattelan

La composizione di Cattelan nasce dalla visione di una foto di Francesca Woodman del 1977, la quale, in un autoritratto, riprende se stessa appesa ad una porta, vestita di una tunica bianca. Attraverso la premonizione della mortalità, questo lavoro come la maggior parte delle opere di Cattelan, delinea «una vera e propria
rappresentazione della condizione umana, ed è capace di sedurci e insieme sconvolgerci», spiega sempre Sotheby's.

Pochi mesi fa Cattelan ha fatto molto parlare e discutere per la sua ultima opera: una banana vera attaccata al muro con uno spesso nastro adesivo grigio, poi venduta per 120 mila dollari (circa 108mila euro).
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA