Salone del libro, bufera post razzisti: Raimo si dimette dai consulenti

Salone del libro, bufera post razzisti: Raimo si dimette dai consulenti
Christian Raimo lascia il gruppo di consulenti del Salone del Libro di Torino. Lo scrittore, autore di un post su Facebook nel quale definiva «neofascisti e razzisti» alcuni editori e giornalisti, aveva spinto per un «Salone militante e antifascista». In serata la nota in cui Raimo, che è anche assessore alla Cultura del III Municipio di Roma, annuncia le dimissioni. 

LEGGI ANCHE: «Amnistia per tutti», imbarazzo nel centrosinistra su Battisti: «Raimo ha sbagliato»
LEGGI ANCHE: Battisti arrestato, post choc dell'assessore-scrittore: «Sono contro il carcere, per chiunque»
LEGGI ANCHE: Municipio III, il centrosinistra "grazia" Raimo dopo il caso Battisti: ma i dem litigano con Caudo

«Ho deciso di presentare la mie dimissioni - spiega - per proteggere il Salone del Libro di Torino dalle polemiche che hanno fatto seguito a un mio post, pubblicato a titolo strettamente personale. Il Salone del Libro di Torino è uno spazio di libertà, di dibattito e confronto di idee, di cultura e di apertura, di molteplicità e democrazia. È il risultato del lavoro appassionato e della dedizione di centinaia e centinaia di persone. È importante per il paese e appartiene a tutti».
Sabato 4 Maggio 2019, 21:42 - Ultimo aggiornamento: 04-05-2019 21:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP