Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Lillo e Francesco Paolantoni al Giffoni Film Festival: il trionfo della vecchia scuola della comicità

Venerdì 29 Luglio 2022 di Antonella Santoro
Lillo e Francesco Paolantoni al Giffoni Film Festival: il trionfo della vecchia scuola della comicità

Il Giffoni Film Festival è arte: nella penultima giornata della 52esima edizione Lillo, artista a tutto tondo, si racconta: «Non esiste un segreto per far ridere, le mie battute se le dico è perché fanno prima di tutto ridere a me. Devi essere uno che ride dentro, non è altro che una condivisione». Sul sodalizio professionale con Greg, con il quale condivide tanti anni di carriera, spiega: «Siamo sì diversi caratterialmente, ma non professionalmente, perché amiamo lo stesso genere di comicità». Radio, cinema, teatro, tv, è affascinato da tutto ciò che lo mette in contatto con il pubblico: «Ogni mezzo per fare arte ti dà soddisfazioni. Io amo il cinema che è però più difficile, amo il risultato, il film, perché praticarlo può risultare anche pesante. Il teatro», continua: «È invece magia pura, è un mezzo imbattibile che si sviluppa in quel preciso momento». 

Video

L’estro partenopeo di Francesco Paolantoni ha affascinato i giffoners: «Sono della vecchia scuola, ma mi sono dovuto adattare ai tempi anch’io. I social sono fondamentali, perché oggi tutto si sposta su piattaforma. Molte persone che mi seguono mi hanno ringraziato per aver loro fatto compagnia durante la pandemia tramite i miei profili social». Oggi, per Paolantoni diventa difficile trovare il giusto contesto in tv: «Amo partecipare a una trasmissione di cui sono ospite fisso, in Rai, “Stasera tutto può succedere”, perché è una delle poche occasioni in cui funziona l’improvvisazione, la commedia dell’arte, che noi attori vecchio stampo abbiamo fortemente a cuore».

Ultimo aggiornamento: 22:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA