Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Aka 7even al premio Fabula di Bellizzi: «Io fidanzato? Ho una frequentazione in ballo»

Venerdì 3 Settembre 2021
Aka 7even al premio Fabula di Bellizzi: «Io fidanzato? Ho una frequentazione in ballo»

Smalto rosa fluo sulle mani, pantalone largo arancione, shirt nera e cappellino bianco ben stretto sul capo. Così Aka 7even si è presentato ieri, venerdì 3 ai giovani creativi del Premio Fabula di Bellizzi, dopo aver smesso gli abiti di Dolce & Gabbana indossati il giorno prima sul ted carpet del Festival del Cinema di Venezia. Per lui una valanga di domande da parte dei baby scrittori che, emozionati di aver di fronte il loro beniamino, si sciolgono tra le spalle e sotto la mascherina. Eppure sono riusciti a estorcergli la domanda più calda: Sei fidanzato? «Per ora no, ma ho una frequentazione in ballo» ha detto in Arena Troisi. Dal suo ingresso nella scuola di Amici sono passati esattamente 12 mesi, 1 anno. Tempo di bilanci.

Video

«Custodisco ricordi bellissimi, oggi mi sento una persona migliore, anche professionalmente ho più consapevolezze».

Per partecipare a questo Festival bisogna scrivere una favola…secondo te le canzoni sono favole?
«Assolutamente si, lo è tutto ciò che è comunicazione, arte».

In quale favola ti rispecchi?
«Non lo so, non me le ricordo…di sicuro non mi sento un principe azzurro».

Sei nato e cresciuto a Napoli, oggi sei a Bellizzi: ci sono dei luoghi a te familiari da queste parti?
«Ogni anno prima di Amici venivo a Salerno a vedere le luci d’Artista».

Possiamo far partire dal Fabula una news che ti riguarda?
«Non posso svelare nulla, grandi a breve».

E pensare che il ragazzo, con la muta locale aveva pensato di non inseguire il suo sogno, la musica, che in cantiere ci aveva messo anche l’idea di diventare un grande chef. E invece Bellizzi è “loca” al suo arrivo, come lo è stata quest’estate tutta l’Italia e, con la versione in coppia con Robledo, anche la Spagna e chissà quanti altri paesi del mondo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA