Blanco, il mega concerto alle Capannelle: 30 mila fan in delirio

La scaletta prevede tutti i maggiori successi del giovane 19enne e i brani che lo hanno portato al successo

Blanco, il mega concerto alle Capannelle: 30 mila fan in delirio
Blanco, il mega concerto alle Capannelle: 30 mila fan in delirio
di Angela Casano
Mercoledì 27 Luglio 2022, 18:34 - Ultimo agg. 28 Luglio, 09:27
4 Minuti di Lettura

Una serata da ‘Brividi’. Blanco in concerto all’ipprodromo delle Capannelle a Roma, davanti a 30 mila persone. Una tappa speciale quella nella Capitale, con il vincitore di Sanremo a esibirsi in una doppia data, oggi e giovedì 28 luglio. In centinaia sotto il sole dalle prime ore del mattino, combattendo il caldo rovente, per conquistare il posto migliore e godersi il concerto a due passi dal loro idolo.

Prima di cantare Notti in Bianco in versione acustica, Blanco ha fatto salire sul palco il padre: "La persona che ha sempre creduto in me. Una delle più importanti nella mia vita". E poi lo abbraccia e inizia a cantare Blanco ha chiesto di accendere le luci per il prossimo brano. Forse quello più importante per il giovane cantante. Blu celeste, in onore del suo amico, o come lo chiama lui “fratello”, scomparso qualche anno fa. 30mila telefoni a fare luce. Un’emozione unica che ha portato Blanco a commuoversi. “Grazie perché ogni volta che vengo a Roma mi sento a casa" Cinque ragazze sono salite sul palco e hanno avuto l’opportunità di abbracciare Blanco.

Tra 30 mila persone presenti, cinque sono state le fortunate. Il cantante però prima ha fatto una premessa: “Adesso farò salire sul palco tre di voi, quelle che conoscono le mie canzoni meno conosciute: Amatoriale, Ruggine e Follia. Chi sa il testo, salirà sul palco per cantarle insieme a me”. Poi il delirio. Il palco nel frattempo è stato allestito con un letto bianco per far accomodare lì le fortunate ragazze. “Scegli me” urlano da sotto il palco. E sulle prime note di Amatoriale, Blanco sceglie le sue prescelte.

Blanco si fa attendere, due ore di ritardo dall’orario di inizio previsto. Alle 22 in punto le luci si abbassano e il concerto inizia. Finalmente Blanco incontra il pubblico di Roma. Sin dal primo momento si mostra come un vero leone da palconscenico. Canta e incanta. 30 mila persone in delirio che urlano il suo nome. Adesso la stanchezza e il caldo rovente passano in secondo piano. Mezz’ora di sole è il primo brano in scaletta e i fan cantano a squarciagola tutti insieme, 30 mila voci che si fondono in una sola. Blanco è innamorato del suo pubblico e si vede. Tra una canzone e un’altra il giovane cantante ringrazia tutti i presenti, chiedendo di saltare con lui e di resistere fino alla fine. Nulla può fermare Blanchito Bebe (come si fa chiamare), nemmeno l’incidente avuto un mese fa. Il ricovero è stato immediato, perché Blanco non riesce a stare lontano dal palco, dal suo pubblico. Il 19enne non smette di saltare. Poi si arrampica tra le strutture del palco, per vedere meglio tutte le 30 mila persone che sono venute per sentire il loro idolo cantare dal vivo. “Stai attento” urlano i fan da sotto il palco.

Blanco ringrazia tutti ed esce. Sembra che il concerto sia finito, ma è solo finzione. Perché dalla scaletta mancano gli ultimi tre brani, quelli più conosciuti. E i fan lo sanno. Urlano il suo nome e parte il coro: “Se non metti l’ultima noi non ce ne andiamo”. Tre minuti di attesa e Blanchito torna sul palco. Adesso mancano i pezzi migliori, quelli che lo hanno portato al successo: La canzone nostra, Brividi - il brano vincitore di Sanremo - e Notti in Bianco. Presenta la band, ringrazia il suo pubblico e stavolta il concerto finisce per davvero. Tra le urla e le lacrime, i fan salutano il loro idolo. “Alla prossima Roma, siete stati fantastici"

© RIPRODUZIONE RISERVATA