Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Capri, J.Lo in concerto alla Certosa: camere fino a 18mila euro per il weekend di fine luglio

Domenica 5 Giugno 2022 di Anna Maria Boniello
Capri, J.Lo in concerto alla Certosa: camere fino a 18mila euro per il weekend di fine luglio

Tutti pazzi per Capri, anzi per J.Lo. L’evento clou di ogni estate, quello promosso da Luisa Panconesi, presidente del Comitato Capri St.Barth, meglio conosciuto come LuisaViaRoma, uno dei più antichi brand fiorentini, promette quest’anno di battere ogni record grazie alla presenza della cantante e attrice americana, madrina della serata di beneficenza targata Unicef. Il concerto che Jennifer Lopez terrà il 30 luglio nella Certosa di San Giacomo è in realtà aperto ai soli invitati, ma poter essere sull’isola in quelle stesse ore deve essere considerato un must visto che è già impossibile, per il fine settimana che va dal 29 al 31 luglio, trovare una camera, una suite, una casa vacanza, un buco libero, insomma, a nessun prezzo.

Tariffe che, a leggerle sui siti specializzati in prenotazioni alberghiere, fanno sobbalzare anche chi può permettersi di sborsare cifre importanti per una vacanza. Tariffe ritoccate all’insù negli hotel più lussuosi, dove una stanza, secondo la posizione o la presenza della piscina personale può costare da mille a quattordicimila euro a notte, il fenomeno inedito è quello delle case vacanza e dei b&b oltre che degli alberghi con meno stelle, nei quali le tariffe sono quasi raddoppiate. Qualche esempio: i 200-300 euro per una notte di luglio richiesti ad Anacapri diventano oltre 700 a fine luglio. Mentre sul versante di Marina Grande a Capri, la stessa struttura che normalmente offre una notte a 300 euro per il fine settimana dell’evento arriva a chiedere, senpre per una notte, anche 1500 euro. Ma il record appartiene a un b&b di Anacapri, che chiede, per ogni notte del weekend di fine luglio, addirittura 18mila euro, sia pure in cambio di una junior suite con piscina privata, letto extra-large e colazione inclusa. Strutture, manco a dirlo, tutte tranquillamente prenotate: quelle che sono rimaste, pochissime, sono ovviamente proposte a loro volta a cifre blu.

LEGGI ANCHE Capri, il «si» di Beatrice Valli e Marco Fantini: il brunch esclusivo in una villa top secret

«Il fenomeno - spiega un addetto ai lavori - è dovuto alla massa di richieste che arriva sull’isola quando ci sono eventi particolari, come quelli che vengono organizzati dai grandi brand o matrimoni extralusso o di personaggi dello star system. Tante agenzie e tour operator pur di avere la certezza di trovare posto in quelle date garantiscono mesi prima il pagamento dei lussuosi alloggi o b&b o case vacanza prenotati in largo anticipo». I clienti? Esclusi quest’estate i russi, sono soprattutto ricchi americani e, tra gli europei, turisti scandinavi e inglesi. In realtà la domanda è molto sostenuta fino a fine agosto, nonostante l’aumento generale dei prezzi (dovuto, secondo gli operatori, anche agli stipendi maggiorati per “convincere” chef e camerieri a prestare servizio) e la decisione praticamente unanime di respingere le prenotazioni per una sola notte. Ma l’evento che sta facendo salire la febbre agli accaniti frequentatori di serate mondane ha lo scopo nobile di guardare verso le fasce deboli. A spiegare che non si tratta di un concerto ma di un appuntamento di solidarietà è la stessa Luisa Panconesi: «Quando guardo i miei bambini negli occhi non posso pensare a un futuro migliore per loro senza sperare in un mondo dove tutti i bambini possano essere felici». Lo scorso anno ad accettare l’invito nel ruolo di special guest fu Andrea Bocelli, testimonial per una raccolta fondi a sostegno dell’Unicef. L’evento 2022 che vede protagonista Jennifer Lopez è dedicato alle nuove guerre, come quella in Ucraina, «che non cancellano - dice ancora Luisa Panconesi - i bisogni di chi è dovuto fuggire da conflitti più antichi, e non trova ritorno».

LEGGI ANCHE Capri, lo sbarco dei vip: da Heidi Klum a Valentina Ferragni, feste e tuffi nel primo weekend dal sapore d'estate

Passata la triste stagione del Covid, Capri è affollatissima in questi giorni anche se meno mondana. Irrinunciabile il rito dell’aperitivo in piazzetta prima della cena nei ristoranti famosi del centro ma anche in quelli meno celebrati ma comunque caratteristici e tipici di un’isola unica al mondo. Flussi turistici diversi che vivono un territorio di dieci chilometri quadrati senza nessuna differenza. Dal turista pendolare mordi e fuggi che si accontenta della tintarella sulla spiaggia libera di Marina Grande, ieri piena come non mai tanto da indurre la Guardia Costiera a farla presidiare da una pattuglia, a quelli che arrivano con le barche fin sottocosta: un motoscafo veloce dei carabinieri con l’ausilio della Capitaneria ha fatto sgomberare le imbarcazioni troppo vicine a Marina Piccola, facendo fioccare decine di multe. Affollati anche gli stabilimenti balneari, solito caos al porto nel tardo pomeroggio, al momento della partenza verso la terraferma. I più fortunati rimangono sull’isola quando questa cambia fisionomia e mette l’abito di gala per chi può permetterselo, pagando cifre a più zeri.

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA