CORONAVIRUS

Il Coronavirus ferma la musica: da Cesare Cremonini a Vasco Rossi tutti i tour rimandati al 2021

Lunedì 18 Maggio 2020 di Ida Di Grazia
Il Coronavirus ferma la musica. Da Cesare Cremoni a Vasco Rossi tutti i tour rimandati al 2021

Il Coronavirus ferma la musica. Da Cesare Cremonini a Vasco Rossi tutti i tour rimandati al 2021. Sarà un'estate senza musica dal vivo, se fino a qualche mese fa una cosa del genere era impensabile, ora la realtà ha superato la fantasia. Alla luce delle disposizioni governative in tema di salute pubblica che vietano assembramenti di persone tutti i concerti sono stati rimandati al prossimo anno.

I grandi eventi di musica live si fermato e tour e festival sono rinviati alla primavera/estate 2021. La comunicazione arriva da Assomusica (Associazione Italiana Organizzatori e Produttori Spettacoli di Musica dal vivo): «Estate 2020. I grandi eventi live si fermano, alla luce delle disposizioni governative in tema di salute pubblica che vietano assembramenti di persone. Una decisione condivisa dalla gran parte dei produttori e organizzatori di spettacoli di musica dal vivo, che fanno sentire unita la loro voce. Un segnale necessario che non significa che la musica dal vivo si arrenderà. L’appuntamento con i grandi eventi live dell’estate 2020 è infatti rimandato al 2021, che sarà una stagione ancora più grande e magica che mai». 

Niente maxiconcerto di Vasco Rossi al Circo Massimo o il live speciale di Gianna Nannini allo Stadio Artemio Franchi di Firenze. Dovremmo attende almeno un anno anche per il concerto di Antonello Venditti e Francesco De Gregori allo Stadio Olimpico di Roma, previsto il 5 settembre 2020. Tour rimandato al 2021 anche per Tiziano Ferro, Cesare Cremonini e Claudio Baglioni alle Terme di Caracalla.
Tra i concerti rimandati o annullati anche quello di  Zucchero, Biagio Antonacci, Luciano Ligabue, Piero Pelù, Andrea Bocelli, Willie Pyote, Paul Mc Cartney, Lenny Kravitz,James Blunt, Eric Clapton, Celine Dion, Simple Minds e Cat Stevens.

Nella maggior parte dei casi entro il 31 luglio verranno comunicate le date di recupero dei seguenti spettacoli, i biglietti già acquistati in prevendita rimangono validi per le nuove date corrispondenti. Gli organizzatori però rimandano ai singoli siti dei promoter per avere maggiori informazioni per la questione dei rimborsi e delle nuove date.

 

Ultimo aggiornamento: 18:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA