Gerardina Trovato: «Sono sotto sfratto. Vivo con 80 euro al mese grazie alla Caritas»

Domenica 2 Febbraio 2020 di Valeria Arnaldi
Gerardina Trovato

«Sono sotto sfratto. È finito il bonifico che aveva fatto Caterina Caselli: ha pagato sei mesi arretrati di affitto, la luce, che è collegata con l’acqua, debiti. L’ho chiamata quando mia madre mi ha detto “Ammazzati”. Era in America, mi ha risposto subito. Il bonifico è arrivato in 24 ore. Non è mia mamma, non è più neanche la mia casa discografica, soldi non dovuti, grazie. Non sono bastati, però».
La cantante Gerardina Trovato, in passato ha partecipato anche a diverse edizioni di Sanremo, racconta a Domenica Live le difficili condizioni della sua vita. La cantante vive con i soldi della Caritas, 80 euro, e gli aiuti del paese in cui è tornata a vivere.
Barbara D’Urso ricorda i timori di Gerardina, oggi 52enne, la volta scorsa all’ingresso nel suo studio: «Mi hai chiesto se potevi stare tranquilla o se correvi il rischio che ti venissero a prendere per metterti  in una struttura protetta». Poi viene mandato in onda un video in cui si vede la casa in cui vive Gerardina.
La madre di Gerardina, Agata Russo, ha contattato Domenica Live. Gerardina contesta l’intromissione della madre.
«Già lo faceva quando avevo successo, ma ora anche sulle mie disgrazie!».

Barbara D’Urso sottolinea che la madre però ha fatto un vaglia a Gerardina.
«Mia mamma mi ha fatto un vaglia, il primo, di 300 euro in dodici mesi. Un applauso a mia madre, vorrei fare. Mi ha detto “Ammazzati, sparati, ti auguro di crepare sola come un cane, strozzina usuraia”», replica Gerardina Trovato.
«La signora Agata Russo- aggiunge la cantante - mi ha denunciato, dicendo che ho sperperato tutto il suo patrimonio in droga, feste, ricevimenti e vestiti di alta moda. Droga! Io non mi sono mai drogata in vita mia. Forse mi sarò fatta qualche canna a scuola. Però anche lei. Chiamavo un amico che gliela portava e lei fumava. Ha provato a farmi interdire, ha sostenuto con gli assistenti sociali, che avevo sperperato il suo patrimonio e che quindi non sono in grado di gestire i soldi, ho bisogno di un tutore».
Nella lettera inviata a Domenica Live, la madre di Gerardina rinnova la proposta di sostegno. Gerardina non ci sta e rifiuta un eventuale incontro.
«Con 500 euro al mese, come faceva? Io andai nel ’96 da un endocrinologo che mi faceva punture ormonali, mi lasciarono senza controlli, con edema alle corde vocali. Ha sostituito le mie cure andando a pregare. Mia madre ha chiamato il prete una volta, gli ha detto: “Ho 400mila euro in banca ma mia figlia li vedrà solo quando sarò morta”. A un altro, dice 700mila, a un altro 200mila. Io non so più niente da quando non c’è più mio padre».
Gerardina Trovato racconta i suoi problemi e attribuisce le colpe proprio al mancato sostegno economico della madre:
«Con 500 euro al mese, prima mi volevano tutti, dopo non mi voleva più nessuno. Ero una statua a Sanremo. Dopo mangiavo fagioli e patate, avevo 15 chili in più. L’edema alle corde vocali non potevo curarlo. Mi hanno lasciato tutti sola. Poi, nel 2000, girarono voci, scrissero di tutto, parlarono anche di AIDS, vedendo il cambiamento fisico. Enzo Biagi fu l'unico a capire che c'era qualcosa di diverso: mi voleva in studio con Carotenuto».
Gerardina Trovato non ha vestiti, possiede solo tre tute, la redazione della trasmissione le ha regalato gli abiti con i quali va i studio. Barbara D'Urso ricorda che la cantante ha 24 brani che ha presentato a Sanremo, sono piaciuti ma non ha soldi per andare a Sanremo.
Entra  in studio Manuela Villa.
«Per non farmi vivere con 400mila lire, mi ospitò a casa sua due anni», afferma Gerardina, abbracciandola. «Avevamo nella sua stanza, due lettini. Io sono una maniaca dell’ordine, una volta misi  in ordine il suo cassetto di biancheria. Quando è tornata, quante me ne ha dette! “Io, il mio ordine lo trovo nel disordine».
Barbara D’Urso annuncia che un suo amico produttore si è offerto di produrre gratuitamente il video musicale di Gerardina.
«Ma prima del video, bisognerebbe produrre un album! - commenta Gerardina Trovato - È quello che costa tanto!».
Si chiude così, con quello che, sottolinea la D'urso, è l'inizio di un percorso di rinascita. 

Ultimo aggiornamento: 18:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA