Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Dua Lipa ai Grammy 2022 con l'abito Versace di 30 anni fa (e anche la scenetta sul palco è amarcord)

Lunedì 4 Aprile 2022 di Costanza Ignazzi
Dua Lipa ai Grammy 2022 con l'abito Versace di 30 anni (e anche la scenetta sul palco è amarcord)

Anche i Grammy vestono vintage. La mania anni Novanta non risparmia nessuno: nemmeno Dua Lipa che ai premi della musica ha fatto scalpore indossando un modello Versace datato Nineties. Basta una rapida ricerca per ritrovare l'abito total black con inserti dorati negli annali del web: indossato in passerella da Christy Turlington per la collezione autunno inverno del glorioso 1992 e al party post Met Gala 1993 dalla stessa Donatella. Per non parlare di Cindy Crawford, che lo amò talmente tanto da indossarlo ben due volte: ai Video Music Awards e successivamente all'amfAR. Sempre nel '92, ovviamente. 

​Grammy Awards 2022, i premi. Lady Gaga si commuove per Tonny Bennett malato: «Ci manchi».

Zelensky, il messaggio ai Grammy Awards 2022: «Riempite il silenzio della guerra con la musica, aiutateci e verrà la pace» Video

La scena amarcord

Non solo l'abito, ma anche il mood della serata è stato amarcord: la scenetta di Dua Lipa e Megan Thee Stallion insieme a Donatella Versace ricorda da vicino, molto da vicino, quella di Mariah Carey e Whitney Houston nel 1998. Le due iconiche cantanti si presentarono con lo stesso abito sui toni del marrone per premiare Will Smith (all'epoca in cui ancora non prendeva a pugni nessuno) fingendo di battibeccare sul fatto di avere lo stesso look per poi "spogliarsi" a turno di strati dell'abito. Esattamente come ha fatto Donatella che, salendo sul palco ieri sera ha modificato in mezzo secondo i vestiti di Meghan e Dua. 

 

I precedenti

Niente di nuovo sotto il sole, verrebbe da dire: è qualche tempo che le maison rivisitano il loro heritage con modelli che rielaborano (ma nemmeno tanto), outfit iconici degli anni che furono. Ricordiamo, ultima in ordine di data, Gwyneth Paltrow che alla Gucci Love Parade di Los Angeles ha reindossato il tailleur di velluto dei Video Music Awards edizione 1996. Anche se è proprio Donatella Versace la regina del vintage che avanza: a dare il via al revival Jennifer Lopez, che ha reindossato il Jungle dress dopo 20 anni, mentre Liz Hurley nel 2019 ha riproposto l'iconico Safety Pin Dress (al secolo l'abito delle spille da balia), fotografatissimo alla prima di Quattro matrimoni e un funerale quando lei era l'invidiatissima fidanzata dell'ambitissimo Hugh Grant. E tornando dalle nostre parti anche Lorena Cesarini sul palco di Sanremo ha fatto parlare di sè il Roberto Cavalli animalier portato in passerella da Cindy Crawford a Roma nel lontano 2000 sulla scalinata di Trinità dei Monti.Sentiamo davvero il bisogno di tutto questo amarcord? Vintage è bello e sostenibile, si sa, come si sa pure che la moda è ciclica e che i Millennial si esaltano sempre per il ricordo di ciò a cui hanno già assistito. Ma non sarà forse tempo di crearne di nuovi? 

 

Ultimo aggiornamento: 10 Aprile, 11:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA