«Non c'è», il ritorno di Edoardo Bennato: la copertina come un quotidiano

Giovedì 29 Ottobre 2020
Edoardo Bennato

Il singolo inedito «Non c'è», in uscita domani, lancerà il nuovo, omonimo, doppio, album di Edoardo Bennato, rilettura di suoi classici con, appunto inediti. Svelata anche la copertina del disco: pensata e disegnata dal cantautore flegreo, rappresenta idealmente la prima pagina di un quotidiano, il giornale “Non c’è”. Strutturata con gli strilli che rimandano ai titoli delle canzoni. Il tutto, nello stile bennatiano: pungente, audace, avanguardista. Un quotidiano di oggi, anzi di domani. Un giornale di attualità che racconta il futuro ai diretti interessati: gli interlocutori sono soprattutto i giovani. Venti tracce nella versione cd e ventitre tracce nella versione in vinile. 

Sono otto i brani inediti di “Non c’è”: "Geniale", "Il Mistero della Pubblica Istruzione", "L’uomo nero" (con Clementino), "La bella addormentata", "La realtà non può essere questa" (con Eugenio Bennato), "Maskerate", "Non c’è", "Signore e signori".

Quindici i brani di repertorio: "Bravi ragazzi", "Cantautore", "Dotti medici e sapienti", "Feste di piazza", "Italiani", "L’isola che non c’è", "La verità", "Le ragazze fanno grandi sogni", "Mangiafuoco", "Non farti cadere le braccia", "Perché" (con Morgan), "Relax", "Salviamo il salvabile", "Tutti", "Un giorno credi". 

Video

Ad arricchire il progetto, il grande lavoro di squadra dell’affiatata band del cantautore: Raffaele Lopez (pianoforte, organo Hammond, sintetizzatori, programmazioni), Giuseppe Scarpato (chitarre elettriche, chitarre acustiche, drums programming), Gennaro Porcelli (chitarre elettriche, chitarre acustiche, armonica), Arduino Lopez (basso).

In “Non c’è” confluiscono le due anime dell’artista napoletano: la versione della “prima ora” e quella strettamente attuale. Come costante, la sua anima rock. C’è il Bennato sarcastico, come sempre senza bavaglio, mai patinato. Realista e al tempo stesso sognatore; un cantautore contemporaneo che riesce a rimanere non convenzionale. Le contraddizioni della società, la pubblica istruzione, l’universo femminile, l’ironia “bennatiana” attualizzata ed esasperata fino al paradosso: questi sono solo alcuni temi affrontati nel progetto “Non c’è”, manifesto di una realtà, la nostra. Il disco è stato realizzato a Napoli, luogo ideale per trarre ispirazione e creare musica; dove la realtà si palesa, nel bene e nel male.

Ultimo aggiornamento: 13:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA