Gianluca Grignani e il forfait alla Fiera del vino, polemica infinita: a Montefiascone difficile trovare il sostituto per Ferragosto

Giovedì 3 Agosto 2017 di Federica Lupino
Gianluca Grignani
"Se per una mia battuta Grignani annulla un concerto, la prossima volta ne trovo una sui Modà". Selvaggia Lucarelli versus Gianluca Grignani: non si placano le polemiche. Dopo il post su Facebook con cui la giornalista ironizzava sulla partecipazione del cantautore alla Fiera del Vino di Montefiascone, ieri ha rincarato la dose con un tweet in cui si intesta la maternità della cancellazione.

Intanto, a Montefiascone è corsa contro il tempo per trovare un sostituto che si esibisca la sera di Ferragosto. Impresa titanica quella della Pro Loco che per mesi si era impegnata nel reperire fondi e organizzare la festa che in Grignani aveva l'ospite clou, tanto da concedergli la chiusura della manifestazione. Al momento, i volontari non sono ancora riusciti a rimpiazzare Grignani. Del resto, non c'è solo un preavviso così ristretto, ma anche la particolarità della data: il 15 agosto molti cantanti sono già impegnati. Per ora, nessuna richiesta di danni. Di sicuro, c'è che l'entourage di Grignani conosceva la location dell'esibizione, ovvero piazzale Roma, sin dalla fine di giugno (il cantante su Fb ha scritto invece che tra i motivi del forfait c'è "la location cambiata quasi all'ultimo minuto").

Infine, c'è da segnalare un altro episodio legato alla Tuscia con protagonista Grignani. Siamo a Viterbo anni fa, giunta Gabbianelli, il Comune organizza tramite il consigliere Chicco Moltoni una tappa zero del suo tour al Palazzetto dello Sport. "Lui sale sul palco, dimentica le parole, interrompe le canzoni, dice che non gliene frega niente. Un'esperienza terribile", ricorda Moltoni. Ci scappò anche qualche insulto per Viterbo, definita "città di zotici". Esuberanze artistiche.
  Ultimo aggiornamento: 13:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA