Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il premio Oscar Nicola Piovani: «In ospedale per Covid per cinque settimane, disprezzo i negazionisti»

Venerdì 27 Novembre 2020
Il premio Oscar Nicola Piovani: «In ospedale per Covid per 5 settimane. Disprezzo i negazionisti»

Il maestro Nicola Piovani è guarito dal Covid grazie a cinque settimane in ospedale e ha raccontato all'agenzia ANSA la sua odissea col virus, ringraziando i medici del Policlinico Tor Vergata. E attacca chi nega il virus: «Ho visto come lavorano e questo ha aumentato il mio disprezzo per i negazionisti», le sue parole, nel dire grazie «ai prof. William Arcese, Maria Teresa Voso e Gloria Pane». 

A trepidare per lui in queste lunghe settimane anche gli amici della Siae, che oggi gioiscono: «Sono felice di sapere che il Maestro Piovani è finalmente tornato a casa e che gode di buona salute - commenta il dg Gaetano Blandini - Da sempre al fianco della Società Italiana degli Autori ed Editori e costantemente in prima linea nella difesa del diritto d'autore, Piovani è una colonna portante della musica e della cultura italiana. Faccio mie le sue parole di ringraziamento per i medici e per tutti coloro che sono quotidianamente in prima linea nella lotta contro il Coronavirus». 

Il maestro premio Oscar per La Vita è bella, che ha 74 anni, spiega di essersi contagiato oltre un mese fa: «A metà di ottobre sono stato ricoverato in ospedale perché positivo al Covid, con sintomi evidenti. Ora dopo cinque settimane di isolamento ospedaliero, sono tornato a casa negativo, guarito e in buona forma. Ringrazio i medici, gli infermieri e tutto il personale del Policlinico di Tor Vergata che mi hanno curato con grande scrupolo e competenza. Ho visto quanto lavorano, in quali difficoltà sono costretti a operare per curare chi soffre, chi non respira. E questo ha aumentato il mio disprezzo verso i negazionisti».  

Ultimo aggiornamento: 10:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA