Inoki in concerto il 18 maggio a Napoli: l’hip hop come necessità ed urgenza di verità

I biglietti saranno acquistabili direttamente all’ingresso la sera stessa.

dalla pagina Facebook dell'artista.
dalla pagina Facebook dell'artista.
di Serena Mancusi
Venerdì 17 Maggio 2024, 14:52 - Ultimo agg. 18 Maggio, 09:03
3 Minuti di Lettura

Il rapper Inoki Ness (all’anagrafe Fabiano Ballarin, classe ‘79 da Roma) sarà in concerto al Mezzocannone Occupato di Napoli sabato 18 maggio 2024

Accompagnato da Dj Libero e dalla cantante Marpek, il rapper canterà il meglio del suo repertorio, in seguito alla pubblicazione dell’ultimo album in studio “Medioego” (cui è seguita la riedizione “Nuovo Medioego”) e dell’EP “4 mani” in collaborazione con DJ Shocca. Per l’evento, che inizierà alle 22, non sono previste prevendite; i biglietti saranno infatti acquistabili direttamente all’ingresso la sera stessa.

Sin dagli inizi del suo percorso musicale nel lontano ‘96, Inoki ha contribuito col suo lavoro ad ampliare i riflettori sulla scena dell’ hip hop underground, ovvero quella corrente impostasi a partire dagli anni ‘90 grazie ad artisti come i 99 Posse e specialmente gli Assalti Frontali (protagonisti di un concerto tenutosi il 10 maggio scorso alla Mensa Occupata). Questi ultimi, in particolar modo, hanno fortemente influenzato la scrittura e la ricerca artistica del rapper, il quale oltre ad annoverarli tra le sue principali ispirazioni ha avuto la fortuna di lavorarci insieme svariate volte tra collaborazioni e tour.

Una delle interviste sicuramente più illuminanti sull’ intenso vissuto professionale ed umano di Inoki è quella rilasciata ai microfoni del podcast "One More Time" di Luca Casadei; una lunga ora di conversazione su temi come il complicato rapporto tra major e realtà indipendenti, l’importanza dei centri sociali come luogo di aggregazione e la necessità di creare arte che sia vera e lontana dalla bulimica logica del content marketing attuale e dalla maschera dei ribelli col rolex, troppo spesso celebrata dal mainstream. Ritornando su questi argomenti, Inoki ha sottolineato quanto l’hip hop sia una musica capace di comunicare in maniera diretta e senza fronzoli; una musica in grado di parlare dettagliatamente della vita di strada, una vita spesso ben lontana dalle catastrofiche narrative di criminalità dipinta dai mass media e fatta anch’essa di ambizioni, speranze, necessità e desiderio di normalità. 

Infine, parlando dei nuovi progetti presenti e futuri, incluso il singolo “La pace è la risposta” pubblicato il 16 febbraio scorso per Orangle Records, Inoki non si è risparmiato dall’esprimere la sua forte solidarietà alla causa palestinese, oggetto di manifestazioni e proteste in svariate città d'Italia, Napoli compresa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA