Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Jova Beach Party, via a Lignano Sabbiadoro al mega-tour: atteso mezzo milione di spettatori. Ma c'è una polemica (per la data di Aosta)

Sabato 2 Luglio 2022 di Mattia Marzi
Jovanotti Beach Party, via a Lignano Sabbiadoro al mega-tour: attesi mezzo milione di spettatori. Ma c'è una polemica (per la data di Aosta)

Un’ancora a forma di J, una sfera specchiata da discoteca a forma di O, un grosso cuore a forma di V, un omino che ricorda certe figure azteche o maya a forma di A, che insieme formano un enorme veliero battente bandiera Soleluna, il collettivo fondato dal cantautore, così come Jovanotti ha immaginato il palco del “Jova Beach Party 2”. A Lignano Sabbiadoro è tutto pronto per la partenza del remake post-pandemico della gloriosa esperienza che nel 2019 consacrò l’ex Ragazzo fortunato come uno dei più grandi entertainer del pop-rock italiano, e pazienza se negli ultimi tempi la sua penna è apparsa più volte un po’ disorientata (però il remix di “I love you baby” dell’italiano Sixpm, che ha rilanciato la canzone originale prodotta da Rick Rubin, è stato un successone – italians do it better, verrebbe da dire): più di 60 mila gli spettatori complessivamente attesi in spiaggia tra stasera e domani, che segnano il debutto della titanica impresa (gli sponsor e i partner coinvolti a vario titolo sono in tutto una ventina), che andrà avanti fino al 10 settembre, quando chiuderà con un mega-evento all’Aeroporto di Bresso a Milano. 500 mila gli spettatori attesi per le ventuno date del tour, che dopo Lignano farà tappa a Marina di Ravenna (8 e 9 luglio) prima di salire in alta quota ad Aosta (13 luglio), e poi Albenga (17 luglio), Marina di Cerveteri (23 e 24 luglio), Barletta (30 e 31 luglio), Fermo (5 e 6 agosto), Roccella Jonica (12 e 13 agosto), Vasto (19 e 20 agosto), Castel Volturno (26 e 27 agosto) e Viareggio (2 e 3 settembre). Ma neanche il tempo di dare il via alla festa itinerante che arrivano già le prime polemiche, che rischiano di minare – come avvenne già nel 2019, tra le proteste di ambientalisti e animalisti – lo spirito dl “Jova Beach Party”.

Le polemiche

La tappa ad Aosta del tour è a rischio per via di uno sciopero del Corpo valdostano dei vigili del fuoco proclamato da Conapo e Fp Cgil per il 13 luglio, in concomitanza con la data a Gressan. Da tempo i vigili del fuoco valdostani chiedono un’equiparazione previdenziale ai loro colleghi del Corpo nazionale e adeguamenti normativi, ordinamentali ed economici al loro contratto e con questa protesta annunciata in occasione dell’attesa tappa del “Jova Beach Party” puntano a farsi ascoltare, minacciando la fattibilità di un evento che può portare nelle casse di hotel, bar, ristoranti e altri servizi ben 1,2 milioni di euro di indotto (a Gressan sono attesi circa 20 mila spettatori): “Trovo veramente un po’ una forzatura questo atteggiamento rispetto a un evento importante per tutta la Regione. Ne prendo atto e vedremo la prossima settimana, come io credo, se col buon senso questa situazione potrà rientrare”, ha fatto sapere il presidente della Regione autonoma Valle d’Aosta Erik Lavevaz. “Conosciamo da tempo la questione dei vigili del fuoco. Quello che è un po’ fuori luogo è questa forzatura. È un aspetto di cui si parla da tantissimi anni: ora che siamo finalmente in fase di chiusura di tutti i passaggi, sia con la Commissione paritetica sia sulle questioni previdenziali, questa forzatura la trovo un pochettino inopportuna. Quindi io credo che potrà rientrare – ha detto ancora Lavevaz – abbiamo convocato i sindacati già mercoledì, per un confronto anche riguardo al tema del Corpo forestale della Valle d’Aosta, in modo da mettere tutti a conoscenza degli ultimi aggiornamenti di queste settimane. Sono due dossier che stanno andando avanti in maniera corretta”.

La festa è già cominciata

Da Trident, che organizza il tour, e da Jovanotti, al momento, non ci sono commenti sulla vicenda. La macchina organizzativa del “Jova Beach Party” è concentratissima sulla partenza di Lignano. In Spiaggia Bell’Italia la festa è cominciata già ieri pomeriggio. Cappellino e maglietta con il logo dei Pooh, Lorenzo Cherubini si è presentato alle prove, fermandosi a salutare i tanti fan in costume e zainetto (niente mascherine): “Come state? Tutto bene?”, li ha salutati. In spiaggia Lorenzo ha ritrovato anche Maria Rosaria, una ragazza della quale aveva celebrato il matrimonio durante il tour di tre anni fa e che è tornata a sentirlo: “State ancora insieme?”, gli ha domandato il cantautore, riferendosi al marito. E lei: “Sì, sempre. Domani ci sarà anche lui”. Tra le fan anche due mamme con in braccio la figlia, fascetta del tour stretta intorno alla testa, perché il popolo del “Jova Beach Party” è inclusivo e colorato: “Ciao, bellissima”, ha detto Lorenzo, dando un pizzicotto alla piccolina. A un bambino che si è fatto radere la scritta “Jova” sulla testa il cantautore ha dato il cinque: “Ora vado al lavoro”. Nel backstage ad aspettarlo c’era anche la figlia 23enne Teresa, alla quale nel 2020 fu diagnosticato un linfoma di Hodgkin poi sconfitto.



A scaldare il pubblico di Lignano oggi a partire dal primo pomeriggio ci penseranno – tra gli altri – Benny Benassi e gli Ackeejuice Rockers, tra i 150 ospiti da 30 paesi diversi invitati al tour. Poi al calar del sole toccherà al padrone di casa esibirsi sul palco principale, sormontato da un grosso cuore rivolto verso chi ha comprato i biglietti anche se il destino dei raduni restava incerto. Top secret la scaletta, che varierà ogni sera: l’unica certezza è la partenza con “Una tribù che balla”. Ieri Lorenzo ha provato anche “Tensione evolutiva”, “Penso positivo”, “Baciami ancora”, “L’estate addosso”, “Ti porto via con me”, “W la libertà”, il nuovo singolo “Sensibile all’estate”, tra le altre. Attesa per Gianni Morandi, che stasera o domani raggiungerà sul palco Jovanotti per un duetto su “Fatti mandare dalla mamma a prendere il latte”, “L’allegria” e la sanremese “Apri tutte le porte”. Le sue, di porte, Lorenzo Cherubini le può finalmente spalancare.

 

Ultimo aggiornamento: 3 Luglio, 20:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA