Keith Flint aveva chiamato la moglie più volte prima di impiccarsi: le ultime richieste inascoltate

Keith Flint aveva chiamato la moglie più volte prima di impiccarsi: le ultime richieste inascoltate
ARTICOLI CORRELATI
di Silvia Natella

0
  • 22
Keith Flint non sopportava la separazione dalla moglie e si è impiccato dopo aver tentato invano di farla tornare a casa. Poche ore prima di suicidarsi, infatti, il cantante dei Prodigy, aveva pregato la donna chiedendole di cambiare idea sull'epilogo della loro relazione. Lo rivela il Daily Mail pubblicando anche alcune foto esclusive che mostrano l'artista in un pub poche ore prima della sua morte. Si trovava al Galvin Green Man di Chelmsford e aveva cenato con il suo personal trainer.

Keith Flint aveva telefonato più volte alla moglie Mayumi Kai in Giappone, per implorarla di tornare a casa, prima di suicidarsi impiccandosi. Quel giorno aveva partecipato a una gara podistica, la 5 Km di Chelmsford, ottenendo il suo miglior risultato e chiudendola in poco più di 21 minuti. Poco dopo era andato al pub insieme al suo allenatore personale. Sembrava sereno: scherzava e chiacchierava. Infine, le telefonate senza successo.
 
 

Separato dalla moglie da quasi un anno il frontman dei Prodigy continuava a contattarla nella speranza di una riconciliazione.

Flint, simbolo della musica elettronica anni Novanta, è stato trovato senza vita nella sua casa di Dumnow, nell'Essex, in Inghilterra. Aveva 49 anni. La polizia è stata chiamata subito dopo le 8 ora locale (le 9 in Italia), e non ha potuto fare altro che constatare il decesso del cantante.
Mercoledì 6 Marzo 2019, 20:35 - Ultimo aggiornamento: 06-03-2019 21:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP