Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La rivincita di SAM: dal bullismo
a batterista e fondatore di NOVA band

Giovedì 30 Giugno 2022
La rivincita di SAM: dal bullismo a batterista e fondatore di NOVA band

La rivincita di SAM: dal bullismo, fino ai NOVA band. E' la storia di Sebastiano Andrea Massaccesi (alias SAM), classe '90, marchigiano di Recanati, batterista, modello e psicologo clinico. «Mi definisco una persona non molto quieta. Fin da piccolo sono sempre stato molto introverso e tutt'ora rimango sempre sulle mie. Sono stato vittima di bullismo. Me ne dicevano di ogni sul mio aspetto e ovviamente mi rinchiudevo sempre più in me stesso e trovavo la mia libertà in quella saletta, dietro quell'ammasso di ferro, rame, pelle, dove suonavo e mi scatenavo. Dimenticavo tutto. Tutto il marcio intorno a me. C'era solo la batteria e il ritmo. D'altronde il ritmo è dappertutto. Il semplice battito cardiaco è ritmo quindi noi viviamo di ritmo ed io ho sempre vissuto la musica in questo modo e poi per me è diventata, oltre che un semplice hobby, una passione. Sì. La musica è stata, da sempre, la mia àncora di salvezza» racconta. 

«Poi col passare degli anni ho capito che chi mi disprezzava mi ammirava. Forse sarebbero voluti essere come me. Ma ognuno è unico a modo suo, in tutto e per tutto. Ma soprattutto ho sempre creduto nel karma. E ad oggi, di rivincite ne ho prese tantissime. Non solo rivincite a livello fisico, perché è stato quello che poi mi ha portato a migliorarmi sempre di più, ma anche dal punto di vista psicologico. Questo mi ha reso più emotivo e ho usato questa emotività non come fragilità ma bensì come potenza e come forza per aiutare gli altri, cioè facendo lo psicologo.  Ho iniziato a costruirmi l'impalcatura di ferro, fino a diventare un modello arrivando alle finali di Mister Italia, passando per la psicologia, laureandomi in psicologia clinica. Un ambito molto forte e altrettanto bello e curioso, per un tipo, appunto, curiosissimo e masochista come me. Perché per comprendere gli altri devi farti un po' male ed è solo allora che percepisci il mondo che ti circonda». 


«Sono appunto anche batterista e fondatore di una band. Con tanti sogni e tanta fame. Perché solo chi sogna può volare. Il mio orgoglio mi sprona a fare sempre di più. In ogni ambito. Questo è SAM. Pieno di tutto. Curioso come un bambino davanti a tanti regali sotto l'albero di natale. Con tanto ancora da imparare, ma soprattutto, siate egoisti senza nuocere a nessuno, amate voi stessi perché siete voi la relazione più bella che potrete mai avere, credete nell'amicizia, ma non negli amici. Sognate, ma con i piedi per terra cosi che non rimarrete delusi quando tutto andrà male. Giocate spensierati perché è l'unica cosa bella che ci è rimasta».

© RIPRODUZIONE RISERVATA