Michele Bravi: «Io bullizzato perché gay, mi gettavano nella spazzatura. Ho fatto pensieri pericolosi volevo che i miei cari morissero con me»

Michele Bravi: «Io bullizzato perché gay, mi gettavano nella spazzatura. Ho fatto pensieri pericolosi volevo che i miei cari morissero con me»
Michele Bravi: «Io bullizzato perché gay, mi gettavano nella spazzatura. Ho fatto pensieri pericolosi volevo che i miei cari morissero con me»
Giovedì 3 Novembre 2022, 11:29 - Ultimo agg. 17:43
3 Minuti di Lettura

Dal bullismo subito per la sua omosessualità all'incidente che lo ha portato alla depressione. Torna a parlare del suo momento buio Michele Bravi da Francesca Fagnani.

Michele Bravi, la rivelazione a Domenica In: «Nel privato sono uno... schifoso»

Michele Bravi si racconta a Belve

«Quell’evento ha avuto delle ripercussioni fortissime in me», spiega Bravi ricordando quella tragedia che ha coinvolto il cantante nel 2018 e che ha causato la morte di una donna, Rosanna Colia. «Ho perso il contatto con la realtà. Ho conosciuto cosa vuol dire vivere senza aderire al reale. Oggi lotto costantemente: devo essere sicuro che le cose che vedo e che sento esistono davvero. La mia mente ha avuto il bisogno di riscrivere quella realtà, mi chiedevo sempre se stessi sognando. Non riuscivo a parlare e sì, ho fatto pensieri drammatici e pericolosi. Pensavo che stessimo tutti in un sogno e che l’unico modo per svegliarsi fosse annientarsi. Ho sperato che le persone che amavo morissero insieme a me. Credevo di averle condotte in un incubo».

Una vita fatta di colori accesi ma anche di tante tonalità scure quella dell'artista che se dovesse definirsi una Belva sceglierebbe il Minotauro una creatura «che viaggia nella vita degli altri fino a perdersi».

Michele Bravi, Vittorio Sgarbi all'attacco: «È tutto femmina». La risposta: «Giudizi medievali»

Il bullismo e l'omosessualità

Poi si parla anche di omosessualità e bullismo, lui che ha amato sia donne che uomini e che si è innamorato per la prima volta di un ragazzo a 13 anni: «In un primo momento l’ho avvertito come un pericolo, ho pensato fosse qualcosa di sbagliato». Poi sono arrivati i primi episodi di bullismo. «Mi chiamavano Michecca e mi gettavano nella spazzatura», confessa alla padrona di casa. «Non ero consapevole di aver subito bullismo, non avevo capito che impatto avrebbero avuto quegli episodio sulla mia vita. Semplicemente chiudevo gli occhi e aspettavo che finisse». Michele Bravi oggi è fidanzato con un uomo che non fa parte del mondo dello spettacolo. «Non voglio la competizione dentro casa, l’unica primadonna sono io», ride. Ama tanto ma ha difficoltà a restare fedele, ma ci si sta allenando il cantante. «Rimango un infedele per natura. Anche se non tradisco, sono un infedele che non tradisce. È più forte di me. Sul palco sono sensuale, ma nella vita privata tutt’altro. Sono estremamente goffo. Sono uno che piega il pantalone prima di fare l’amore»

© RIPRODUZIONE RISERVATA