Il ritorno di Michele Bravi, due anni dopo l'incidente: «Mi sono rialzato grazie a una persona»

Venerdì 15 Maggio 2020
Il ritorno di Michele Bravi, due anni dopo l'incidente: «Mi sono rialzato grazie ad una persona»
Il cantante Michele Bravi, in occasione del suo ritorno in tv da stasera con Amici Speciali e dell'uscita del singolo La vita breve dei coriandoli, che anticipa il nuovo album (in uscita nei prossimi mesi) La geografia del buio, si confessa in un'intervista al Corriere della Sera dopo l'incidente di quasi due anni fa in cui una donna perse la vita. «È come fare tutto per la prima volta. Ho un modo diverso vivere le cose, una voce diversa, una faccia diversa. È difficile trovare anche solo una connessione con quello che ero».

In quell'incidente, nel novembre 2018, morì una donna: Bravi chiese di patteggiare un anno e mezzo per omicidio stradale, e a proposito del processo, slittato per l'emergenza sanitaria, sottolinea: «È una vicenda che riguarda tante vite e credo che ogni volta che si ritira fuori non sono l'unico a soffrire, a pagare il peso di un'esposizione tra l'altro non richiesta. Quindi sì, mi preme chiudere questo capitolo doloroso perché tutti trovino lo spazio giusto per collocare quanto è successo».

«Quando subisci un trauma forte - spiega Bravi - la tua vita si sposta su un livello diverso, che non parla con quello di prima. Quando rivedo le mie vecchie immagini - io a Sanremo, io su un palco di qualche tour - è come se stessi guardando non dico uno sconosciuto, ma una persona che vive nel palazzo di fronte: la riconosci ma non sai bene chi sia». «Un giovane è proiettato sul futuro, ora sono radicato nel presente: è un esercizio costante ma che mi ha salvato», aggiunge, spiegando di essere stato aiutato nel suo periodo buio da una persona che - dice - «mi ha dato le coordinate e mi ha chiesto di tornare a usare la creatività per raccontare tutto questo. E sono nate queste canzoni».

Una persona che Bravi definisce un legame più forte dell'amore («il mio salvagente»): «Ora si è trasferito dall'altra parte del mondo: non è qui ma la sua presenza resta». Quanto al rapporto con Maria De Filippi, che lo ha voluto in Amici Speciali, Bravi aggiunge: «Maria mi sta vicino e le sono grato. In pochi in questo periodo mi hanno fatto sentire anche un professionista e non solo una persona con dei problemi. Lei mi guarda come un artista». 
Ultimo aggiornamento: 12:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA