Milano, violenza alla discoteca Old Fashion: «daspo Willy» per i rapper Rondo da Sosa e Baby Gang

Martedì 24 Agosto 2021
Milano, violenza alla discoteca Old Fashion: «daspo Willy» per i rapper Rondo da Sosa e Baby Gang

Sei persone, tra cui i rapper Rondo da Sosa e Baby Gang, sono stati raggiunti da provvedimenti di prevenzione relativi a incidenti avvenuti il 12 agosto scorso davanti alla discoteca di Milano «Old Fashion», in via Camoens. I provvedimenti - tra cui avvisi orali, fogli di via e daspo Willy - sono stati emessi il 20 agosto scorso dal questore di Milano Giuseppe Petronzi nei confronti dei 6 giovani che dopo essere stati respinti all'ingresso del locale avevano prima minacciato gli addetti alla sicurezza, poi avevano avuto uno scontro fisico con alcune persone e infine avevano lanciato sassi contro l'ingresso.

 

Gallarate, pesanti avances in supermercato: lei tenta di fuggire, lui la picchia fino a farla svenire. Caccia a un 40enne

 

Violenza in discoteca, cosa è successo

Secondo quanto riferito dalla polizia, alle 3.20 di quel giorno il rapper Rondo da Sosa (nome d'arte del 19enne Mattia Barbieri) si era presentato al locale ma gli era stato vietato l'ingresso a causa di altri disordini di cui si era reso protagonista in passato. Rondo da Sosa ha numerosi precedenti per istigazione a delinquere, lesioni personali, rissa, danneggiamento aggravato, appropriazione indebita, oltraggio ad un corpo politico, amministrativo o giudiziario, lesioni personali, minaccia e furto.

 

Caos movida a Ostia, i residenti esasperati: «Qui rave legalizzati»

 

Sempre secondo la ricostruzione della questura, dopo essere stato respinto ha chiesto l'intervento dell'amico Baby Gang, nome d'arte del 20enne Zaccaria Mohuibui, anch'egli con precedenti penali e di polizia per istigazione a delinquere, porto abusivo di armi, porto di armi e oggetti atti ad offendere, vilipendio della Repubblica, rapina, resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali, furto aggravato, violazione di obblighi inerenti a misure di prevenzione. Risulta inoltre destinatario di un avviso orale, del rimpatrio con foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno nel comune di Milano per 3 anni a partire dal 16 aprile scorso. Il 10 aprile, infatti, era stato tra i protagonisti degli incidenti con la polizia a San Siro, dove 300 ragazzi si erano ritrovati per girare il video di un rapper in violazione delle norme anti assembramento.

 

Discoteche, chiuso il Peter Pan di Riccione: assembramenti e niente mascherine

 

 

Ostia, ressa con 2.500 persone: sigilli allo stabilimento Kursaal in versione discoteca

 

Daspo per altre 4 persone

Il 20 agosto, invece, assieme a Baby Gang, c'erano altre 4 persone di 19, 24, 25 e 31 anni, tutte con numerosi precedenti, a esclusione del 19enne. I sei sono stati inoltre denunciati per minaccia aggravata, percosse e danneggiamento tentato. Nello specifico, per Rondo da Sosa è stato disposto un daspo di 2 anni nel Comune di Milano, e per Baby Gang un daspo della stessa durata per la città metropolitana di Milano. La violazione comporta una sanzione penale che prevede la reclusione da 6 mesi a 2 anni e la multa da 8mila a 20mila euro. Da gennaio 2021 il questore ha emesso oltre 810 misure di prevenzione: 273 avvisi orali, 400 fogli di via obbligatori, 116 divieti di accesso alle aree urbane, 7 divieti di accesso alle strutture sportive e 15 daspo Willy, chiamato così in memoria di Willy Monteiro Duarte, picchiato a morte la notte tra il 5 e il 6 settembre 2020 a Colleferro (Roma).

Ultimo aggiornamento: 23:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA