Il ricordo di Enzo Gragnaniello: «Mimì, l'omaggio arriva troppo tardi»

di Federico Vacalebre

  • 1509
«Il paradosso è che la storia di Mimì, interpretata benissimo da una grande cantattrice napoletana, ha dimenticato proprio i giorni napoletani della piccola grande donna». Enzo Gragnaniello l'altra sera era tra i 7.727.000 spettatori di «Io sono Mia», il film tv diretto da Riccardo Donna che ricostruiva la diceria dell'untore di cui fu vittima Mia Martini. Per Raiuno, dopo Sanremo e Montalbano, ancora ascolti da record (share del 31%) e la conferma che le fiction con protagonisti canori (da Modugno a De Andrè) tira.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 14 Febbraio 2019, 08:28 - Ultimo aggiornamento: 14-02-2019 12:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP