Napoli città della musica: il plauso di Fimi al capoluogo campano

Napoli città della musica: il plauso di Fimi al capoluogo campano
Martedì 27 Settembre 2022, 13:47
3 Minuti di Lettura

Fimi accoglie con entusiasmo l’adesione della città di Napoli al programma internazionale delle Music City promosso da Ifpi, l'organizzazione che rappresenta l'industria discografica nel mondo. Ad annunciarlo è il Comune, che riconosce nella musica «un asset strategico per lo sviluppo socioeconomico e culturale della città» e che per tale motivo ha istituito l’ufficio musica aprendosi alle iniziative del settore e contribuendo operativamente alla crescita del comparto. «La musica è un ponte intergenerazionale che promuove l’inclusione sociale e produce nuove occasioni lavorative, oltre a stimolare il turismo, creando un indotto economico rilevante per la struttura di una città composita come il capoluogo campano: siamo perciò lieti del progetto abbracciato dalla città di Napoli, vera e propria capitale culturale del Mezzogiorno, al lavoro su progetti concreti» dichiara Enzo Mazza, Ceo Fimi.

«Napoli città della Musica, anche grazie al fattivo sostegno della music industry, a partire dalla FIMI e da tanti altri amici con i quali stiamo sottoscrivendo accordi, per la prima volta si è dotata di un vero e proprio ufficio musica che avrà, fra le altre, la funzione di interfaccia diretta tra il comparto e l'amministrazione e nel tempo diventerà sempre più punto di riferimento degli operatori del settore musica e strumento di sviluppo del progetto Music City che va dal rinforzare le linee di business legate alla musica, alla formazione e all'audience development, all'internazionalizzazione, all'attenzione ai giovani, all'inclusione e alle periferie» chiosa l'avvocato Ferdinando Tozzi, consigliere del sindaco sull'industria musicale e audiovisiva e promotore del nuovo Ufficio partenopeo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA