Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Per Jonas Kaufmann il premio “Casa Caruso”

Sabato 23 Aprile 2022 di Donatella Longobardi
Jonas Kaufmann

Domenica 24 il premio Corelli ad Ancona, giovedì 28 a Napoli la prima edizione del premio "Casa Caruso". Giornate intense per Jonas Kaufmann, il celebre tenore bavarese impegnato nelle repliche della “Tosca” al San Carlo (23, 27 e 30 aprile) nei panni di Cavaradossi. Un successo personale per Kaufmann 'costretto' dagli applausi la sera della prima a bissare nel finale “E lucean le stelle”. “Il nostro obiettivo è legare il nome di Caruso e della sua casa-museo alle personalità che si sono contraddistinte a livello internazionale perpetrandone il nome e la sua arte”, spiegano al comitato scientifico del premio presieduto da Gaetano Bonelli, direttore della Casa Museo. Con lui Lello Reale, presidente associazione "Casa Museo Enrico Caruso APS", Guido D'Onofrio, presidente onorario Casa Museo, Ivano Caiazza, direttore artistico della Casa Museo, Filippo Zigante, compositore e direttore d'orchestra e Paola De Simone, musicologa.

Video

“Jonas Kaufmann – scrivono nella motivazione – è un tenore che come pochi al mondo coniuga nell’unicità della sua cifra interpretativa un’alta nobiltà di stile, carisma di portamento e le peculiarità di una voce impeccabile per fermezza e intonazione, puntuale nello scavo di parole, note e accenti a sostegno di una sempre sapiente tornitura del pensiero musicale. I suoi ruoli vivono sul palcoscenico e arrivano con naturalezza al cuore degli spettatori in virtù di un canto di tempra autentica, forte di squilli all’acuto lucenti e sonori, ben legato e saldamente governato lungo l’intera estensione fra declamazioni robuste e mezze voci, ampiezza dei fiati, declinazioni espressive, preziose smorzature di colore”. La consegna del premio giovedì alle 11 nella Chiesa dei Santi Giovanni e Paolo a Ottocalli, adiacente alla casa dove nacque il tenorissimo e dove è aperto un piccolo museo in suo ricordo.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA