Perdonanza 2021, sul palco di «Un canto per la rinascita» dell'Aquila da Orietta Berti a Irene Grandi

Martedì 24 Agosto 2021
Perdonanza 2021, sul palco di «Un canto per la rinascita - di viaggio e di cuore» dell'Aquila da Orietta Berti a Irene Grandi

Tanti artisti di primo piano, ieri sera, sono saliti sul palco “Teatro del Perdono”, antistante la basilica di Collemaggio a L'Aquila in occasione dello spettacolo «Un canto per la rinascita - di viaggio e di cuore». L’evento è stato ideato dal direttore artistico della Perdonanza, il maestro Leonardo De Amicis, ed è stato scritto insieme con Paolo Logli.

La serata è stata presentata anche quest’anno dalla conduttrice Rai Lorena Bianchetti. Ad incantare il pubblico, accompagnati dall'Orchestra del Conservatorio «A. Casella» dell'Aquila, tanti artisti tra cui: Roby Facchinetti, Irene Grandi, Michele Zarrillo, Simone Cristicchi e Orietta Berti.

Eurovision, 5 città italiane in "finale" per ospitare l'edizione 2022: Roma esclusa. Ci sono Milano, Bologna, Pesaro, Rimini e Torino

Le parole del maestro De Amicis

«Il tema principale è sempre quello della rinascita - ha spiegato il maestro De Amicis, - e il focus specifico è sul viaggio come metafora della vita e sul cuore, che rappresenta ciò che desideriamo, ciò che ci fa stare bene». I brani eseguiti dagli artisti sono stati, quindi, inerenti a queste tematiche.

I brani della serata

Roby Facchinetti ha eseguito «Rinascerò rinascerai», un inno alla forza dedicato alla sua città natale, Bergamo, per incitarla a resistere all’epidemia da Covid, che in quelle zone, lo scorso anno, ha avuto gli effetti più tremendi. Un brano il cui testo è stato scritto da un altro componente dei Pooh, Stefano D’Orazio, scomparso a novembre dello scorso anno.

Irene Grandi invece ha interpretato la sua «Prima di partire per un lungo viaggio», mentre Michele Zarrillo ha dedicato all’Aquila, un suo grande successo, «Cinque Giorni». Simone Cristicchi, già direttore del Teatro Stabile dell’Aquila e voce narrante di «L’Aquila legge Dante», progetto del Comune dell’Aquila per i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, si è esibito in una toccante performance tra canto e recitazione, eseguendo inoltre il suo successo del 2019, «Abbi cura di me».

 

Ultimo aggiornamento: 16:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA