I Sonohra tornano con un nuovo Lp
per i loro 10 anni di carriera

I Sonohra
A distanza di quattro anni dall’ultimo album di inediti, i Sonohra sono pronti a tornare con un nuovo progetto discografico che va a sancire i loro 10 anni di carriera. “L’ultimo grande eroe”, questo il titolo dell’album che uscirà il prossimo 14 dicembre, sarà anticipato da quattro anteprime assolute: quattro brani e quattro videoclip che serviranno a svelare l’anima del nuovo lavoro del gruppo, completamente scritto e prodotto da Luca e Diego.

La prima delle quattro anteprime dal titolo “Come un falco che va nel suo cielo” è disponibile da oggi su tutte le piattaforme digitali e su YouTube. Saranno poi svelati altri tre brani inediti del nuovo album: “L’ultimo ballo lento” (14 novembre), “Un gioco di parole” (22 novembre), “Con una foto di James Dean” (30 novembre). Un’idea che nasce dal desiderio del gruppo di far conoscere, passo dopo passo, il loro nuovo racconto in musica, che farà vivere tutto il background musicale dei Sonohra, tra arrangiamenti ricercati e testi che sono storie personali destinate a diventare universali, di e per tutti.

«La prima anteprima “Come un falco che va nel suo cielo” affronta l’amore tra due persone, siano esse marito e moglie, fidanzati, genitori e figli; un sentimento - spiegano Luca e Diego - che deve sempre essere un valore aggiunto alla propria esistenza. Spesso si rischia di incorrere in quell’egoismo che vuole fare felici, in primis, noi stessi, a discapito dell’altra persona. Voler bene davvero significa assecondare, supportare le idee, i sogni, le aspettative dell’altro, senza pretendere che necessariamente coincidano con le nostre». «“Come un falco che va nel suo cielo” è un grido alla propria libertà, alla voglia di rischiare, di mettersi in gioco e magari anche sbagliare - proseguono i Sonohra - sempre accompagnati dall’appoggio del proprio compagno, di una madre o di un padre, soprattutto quando la strada scelta appare la più difficile da percorrere». «Ognuno di noi - concludono - è un’esistenza unica, speciale, irripetibile, con le proprie fragilità, difetti, qualità, che non saranno mai i nostri: l’amore è accettare le diversità dell’altro, senza pretendere di trasformarlo in una copia di noi stessi, anche se questo ci costa un pò di propria felicità». 
Giovedì 1 Novembre 2018, 17:21 - Ultimo aggiornamento: 01-11-2018 17:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP