Sanremo, solo i veri esperti salvano la qualità

di Federico Vacalebre

8
  • 3
C'è chi non perdona alla giuria, allora chiamata «di qualità», di avere organizzato la vittoria al Sanremo 2000 degli Avion Travel. E c'è chi non perdona ora, a noi giornalisti, ed ai giurati guidati da Mauro Pagani, di aver fatto vincere Mahmood a discapito di Ultimo, favorito della vigilia e largamente in testa nel giudizio popolare rappresentato dal televoto.

Il bisogno di mitigare, di temperare, in qualche modo, le armate giovanili dei televotanti venne in mente agli organizzatori festivalieri dopo verdetti umilianti per i concorrenti e la manifestazione, dopo vittorie come quelle dei Jalisse che certo non fecero bene alla canzone italiana, spingendo i big a disertare sempre di più la manifestazione. Oggi si ripropone l'idea di puntare solo su chi è abituato ad esprimere dal telefonino la propria preferenza. Certo, vincerebbero i divi del momento, spesso destinati a sparire dopo poco come Marco Carta, come Valerio Scanu. E allora, come fare? Cosa fare?

Si può davvero, si vuole davvero, fare di Sanremo, come Baglioni ripete da due anni, qualcosa di simile a un festival del cinema? Allora si trovi il coraggio di puntare tutto su una giuria, davvero qualificata, davvero di esperti, il più possibile insospettabile. Anche a Venezia, anche a Cannes, registi, attori, sceneggiatori, artisti vari possono essere accusati di conflitti di interessi, ma si accetta il gioco e, come a Sanremo, si approfitta della vetrina, maestri venerati corrono il rischio di essere battuti da esordienti assoluti, sapendo però chi, e quindi come, li giudicherà. Contento nel 2000 per gli Avion Travel e quest'anno per Mahmood (ma il mio preferito era Silvestri), mi piacerebbe vedere nel 2019 il verdetto sanremese deciso da una giuria presieduta da Paolo Conte e formata da un grande dj, il compositore Teho Teardo, un rapper di successo, un autore del calibro di Claudio Mattone, una primadonna della canzone come Loredana Bertè, uno storico della canzone, un arrangiatore...

Impossibile? Forse, ma per provarci bisognerebbe volerlo. Altrimenti, ripristiniamo il televoto secco subito e prepariamoci alle polemiche, eguali e contrarie a quelle di quest'anno, che verranno.
Lunedì 11 Febbraio 2019, 08:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2019-02-11 18:42:52
per cui....... si puo' dire che sanremo da tantissimo anni e' come le partite della rubentus? a buon intenditore........ (forza napoli e viva napoli sempre e comunque)
2019-02-11 16:58:47
vacalebre che tifa per il pezzo di silvestri-rancore non si può sentire proprio. sul resto ha ragione da vendere.
2019-02-11 15:09:53
Concordo pienamente con l'esperto Vacalebre! Ma questo vale per il futuro. Al momento però qualcuno dovrebbe dire al signor Ultimo che, nel momento in cui ha chiesto di patecipare a Sanremo, ha accettato di fatto il meccanismo di voto della manifestazione, e deve pertanto accettare il verdetto che lo vede perdente. O forse non ne era al corrente? In tal caso la colpa è tutta sua. E poi ci sarebbe il rispetto - almeno di facciata - per chi ha vinto.....Ma questo rimane un pregio di rare persone.
2019-02-11 14:35:20
Infatti il problema qui non è il razzismo. Ha vinto la politica che consente a una giuria scelta chissà come e per chissà quale esperienza la canzone che più piace a loro, o meglio quest'anno quella più politicamente corretta. Della serie i voti si pesano non si contano della vecchia repubblica. Se si accetta il voto del pubblico, che poi è quello che conta per gli artisti perchè pagano il prodotto, vale solo il trelevoto magari con la giuria a intervenire su differenze minime di 2-3%. E' inconcepibile che una giuria di nominati possa ribaltare 30% di gap. E chi dice che il loro giudizio sia migliore?
2019-02-11 17:00:57
ma perchè è normale poter votare con 5 sms un pezzo ? che rappresentatività ha questo modo di intendere ? meglio il giudizio di personaggi che con la musica ci campa.

QUICKMAP