Russolillo chiude Casa Sanremo: «Numeri da record, ci rivediamo l'anno prossimo»

Mercoledì 12 Febbraio 2020
Anche quest’anno grandi numeri, eventi e personaggi per Casa Sanremo, da 13 edizioni l’area hospitality del Festival della Canzone Italiana, quest’anno realizzata in partnership con Rai e Rai Pubblicità.

La carrellata di artisti che sono passati per la Casa del Festival, si è conclusa proprio con Diodato che, ricevuto il prestigioso riconoscimento sul palcoscenico dell’Ariston, ha calcato il red carpet, aggiungendo la sua firma a quella di tutti gli artisti in gara sul photocall 2020.
 
 

«Il Festival di Sanremo si è confermato un rito collettivo grazie al quale il nostro Paese si è sentito più unito e si è ritrovato attorno a un interesse comune – commenta entusiasta il patron di Casa Sanremo Vincenzo Russolillo, presidente Gruppo Eventi – Un evento che si è mostrato ancora di più nella sua potenza, un vero e proprio tsunami di musica, che si è diffuso in tutta la città con il progetto Rai e Rai Pubblicità “Tra palco e città”, in partnership con Casa Sanremo. Ringrazio Antonio Marano Responsabile Rai del progetto grazie al quale è stato possibile realizzare un evento così ambizioso. Mentre dalla platea del Teatro Ariston e da casa, milioni di persone guardavano il Festival, in piazza Colombo non solo artisti in gara ma anche ospiti importanti del panorama nazionale sono stati protagonisti di live straordinari: da Emma a Mika, Gigi D’Alessio e Ghali. Nella Lounge di Casa Sanremo showcase e dj set e tante dirette Rai. Una cosa davvero straordinaria! Oltre alle Istituzioni e a Rai Pubblicità, che hanno creduto in me, sento di ringraziare i partner e tutto il mio staff che ha messo davvero l’anima in questo progetto, senza fermarsi mai». © RIPRODUZIONE RISERVATA