Sanremo 2020, Fiorello vestito da prete. La reazione inaspettata del vescovo

Sanremo 2020, la reazione della Chiesa: Fiorello «simpatico e ironico», ma su Junior Cally...
Sanremo 2020, la reazione della Chiesa: Fiorello «simpatico e ironico», ma su Junior Cally...
Mercoledì 5 Febbraio 2020, 14:22 - Ultimo agg. 14:33
2 Minuti di Lettura
Sanremo 2020, la reazione della Chiesa alla prima serata del Festival: il vescovo di Sanremo 'benedice' la gag di Fiorello, nei panni di don Matteo, ma non nasconde disappunto per l'esibizione del rapper Junior Cally. All'agenzia Adnkronos, mons. Antonio Suetta ha promosso Fiorello: «Si è trattato di un simpatico sketch in stile sanremese con un Fiorello molto simpatico che ha utilizzato ironia e parole di delicatezza», ha detto.

Leggi anche > Fiorello: mai più ospite, tornerò da cantante

Premettendo poi che non tocca a lui stabilire chi debba salire o meno sul palco dell'Ariston, critica invece la partecipazione di Junior Cally: «Io non conosco il testo che porta a Sanremo ma ci sono contenuti di una tale violenza e insulsaggine che oscurano ogni pretesa o velleità artistica. E penso che i giovani abbiano bisogno di riferimenti ai quali attingere. Ognuno dovrebbe sapere valutare quali lo sono e quali no».



Leggi anche > Ascolti boom per la prima serata: share più alto dal 2005

Il vescovo di Sanremo-Ventimiglia domani, cosa che nella tradizione sanremese come conferma lui stesso avveniva «a singhiozzo» senza una regolarità, alle 18 nella Chiesa di Santa Maria degli Angeli, a pochi passi dal teatro Ariston, celebrerà una messa per artisti e addetti ai lavori nel corso della quale i Papaboys, in trasferta all'Ariston, consegneranno ai cantanti la lettera di Giovanni Paolo II agli artisti in occasione del centenario dalla nascita. «Porte aperte per tutti - dice il vescovo -. Invito tutti gli artisti a prendere parte a questo momento di spiritualità».
© RIPRODUZIONE RISERVATA