Sanremo 2020, Leo Gassmann: «Ho fatto la fila, non sono raccomandato. Il giorno dopo aver vinto ero all’università»

Giovedì 13 Febbraio 2020
Leo Gassmann (Instagram)

Dopo aver partecipato con successo a XFactor, Leo Gassmann, figlio dell’attore Alessandro (a sua volta figlio di Vittorio) si è aggiudicato la vittoria nella kermesse canora di Sanremo 2020, sezione “Nuove proposte” con il brano “Vai bene così”.
 
LEGGI ANCHE Ballando con le Stelle, Paola Barale “scaricata” per le pretese sul cachet

“Non sono raccomandato”, ha assicurato in un’intervista ad “Oggi” per via di un “marchio” di famiglia che si porta dietro sin dalla sua partecipazione al talent di casa Sky. Per partecipare al Festival infatti ha dovuto percorrere la medesima strada dei suoi colleghi: “Per arrivare a Sanremo ho fatto la fila come tutti, non ho scavalcato nessuno”.

Il padre Alessandro naturalmente è al settimo cielo, come ha dimostrato sui social dopo la sua vittoria (“Papà è orgoglioso di me”) ma per ora la vita di Leo continua a essere quella di prima, con gli impegni quotidiani da rispettare come quelli universitari: “Sono onorato di aver vinto, ma non mi monto la testa. Il lunedì dopo alle otto e trenta ero già a Roma, all’università, per seguire una lezione”.

La canzone che gli ha fatto guadagnare il primo posto è stata scritta da lui: “È nata dopo una serie di delusioni sia professionali che sul piano delle amicizie. Il messaggio è che ci dobbiamo accettare, con tutte le nostre debolezze ed errori”.

Ultimo aggiornamento: 19:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA