Sanremo 2021, vince il Festival del "fai da te" sulle piattaforme

Sabato 6 Marzo 2021 di Ilaria Ravarino
Amadeus, Zlatan Ibrahimovic

A un giorno dalla fine del festival un dato è chiaro: il Sanremo che ha funzionato, quest’anno più che nelle altre edizioni, è stato quello del giorno dopo. E cioè il festival fai-da-te, quello delle clip caricate sulla piattaforma Rai Play o sul canale YouTube dell’azienda (4 milioni 300.000 iscritti), a disposizione per lo streaming a partire dal giorno successivo alla messa in onda. La puntata con i duetti del giovedì, con un aumento del +71% nell’uso dell’on demand (dato comparato alla stessa giornata del 2020) è stata infatti la più scaricata dall’inizio del festival, dopo i risultati già buoni dell’esordio (+62%) e la flessione nella seconda serata (42,1%). 

LEGGI ANCHE Sanremo 2021, Ermal Meta e la telefonata col nipotino che non lo può vedere in tv: «Canto per i tuoi sogni»

Non va altrettanto bene la fruizione cosiddetta “lineare” dello spettacolo, cioè il tradizionale ascolto tv, che continua a volare basso pur godendo di un miglioramento in termini di pubblico. La media spettatori di giovedì si ferma a 7 milioni 653.000, con uno share del 44.3%, aumentando il dato di mercoledì (7.586.000, 42.1%) pur perdendo 700.000 spettatori rispetto alla prima serata ( 8.363.000, 46,6%). Nel parziale, a fare la differenza negli ascolti è stata la seconda parte dello spettacolo, quella conteggiata a partire da mezzanotte fino alle due, fino a oggi la migliore notte del festival con 4 milioni 369.000 spettatori e il 50,6% di share (mercoledì erano 3.966.000, con il 45,7%, martedì 4 milioni 212.000 per il 47,8%). 

Colpisce il crollo dell’ascolto in streaming, passato dal +45% della prima serata al +7% di giovedì, mentre sale il dato delle interazioni social, che toccano il record assoluto per il festival di  6,2 milioni. Calcolate da una società esterna alla Rai, la Talkwalker Social Content Ratings, le cosiddette “interazioni” tengono conto del movimento generato dall’hashtag #sanremo2021 e dai commenti, like, cuori, tweet e retweet degli utenti intorno al tema “Sanremo” sui social: un popolo di nuovi commentatori lievitato durante la pandemia (il 2020 ha segnato un incremento del 6% degli utenti social in Italia) e intercettato dagli analisti su Facebook, Instagram e Twitter. Resta da verificare l’impatto del festival sui social e le piattaforme più usate dai ragazzi (TikTok, Twitch, Ig TV e YouTube) ancora escluse dall’analisi delle interazioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA