Sanremo 2022, Emma: «Il gesto del triangolo? Se possiamo permetterci di essere putt... è grazie alle femministe»

Venerdì 4 Febbraio 2022 di Silvia Natella
Sanremo 2022, Emma: «Il mio gesto del triangolo? Se possiamo permetterci di essere putt*** è grazie alle femministe»

È un connubio artistico nuovo e carico di emozioni quello tra Emma Marrone e Francesca Michielin, a Sanremo 2022 con la canzone “Ogni volta è così”. Una canta, l’altra dirige l’orchestra. «È una collaborazione bellissima perché molto sincera. Quando sto dove sto io sento che stiamo facendo tutti musica insieme; è un privilegio quella postazione. Se non avessi una stima e un affetto profondi per Emma sarebbe molto difficile», spiega la maestra Michielin in conferenza stampa. 

Video

 

 

«Sono contenta di condividere questa esperienza con lei che sto scoprendo giorno dopo giorno. Vivendola a stretto contatto mi rendo conto che sono molte le cose in comune», aggiunge Emma. Alla domanda su cosa hanno imparato l’una dall’altra vengono fuori parole come “ispirazione” e “autostima”. «Quello che ho imparato da Emma è stare su un palco. Io posso vederla da fuori e mi ha subito ispirato il suo modo di affrontare il palco e di cantare tecnicamente». «Adesso piango. Da Francesca ho imparato a credere di più in me stessa. Molto spesso chi fa questo mestiere perde il focus e l'oggettività delle cose. Ci perdiamo dietro le stronzate, alle critiche mosse in modo banale. Mi ha insegnato un po' più di autostima e a guardarmi da fuori. Apparentemente sembro una strafottente, ma è solo un’armatura». 

 

Nella serata delle cover porteranno sul palco il successo di Britney Spears “Baby one more time”. «Non abbiamo fatto noi la richiesta di inserire gli anni Novanta. Questi poteri su Sanremo non ce li abbiamo… Quando hanno aperto il decennio non ho avuto dubbi…. È un grande omaggio al pop che viene guardato con snobismo, è una dichiarazione d’amore», le parole di Emma. «Un'idea geniale di Emma e mi sono resa conto di quanto Britney sia un'icona. Rappresenta la complessità della musica pop. Abbiamo cercato di rendere omaggio a quello che si ha fatto crescere», le fa eco la compagna di questa avventura.

 

Sulla scelta di tornare all’Ariston e sui progetti in cantiere, Emma spiega: «Sanremo non era nei miei piani, poi ho ricevuto l'invito di Amadeus. Il festival mi aiuta perché è come se ravvivasse la fiamma per mettermi a lavorare su un nuovo album…. Non mi sono mai negata a Sanremo. Quest’anno avevo tanti buoni motivi per venire, anche personali che terrò per me… Sono sfrontatamente felice e orgogliosa della donna che sono oggi. Francesca è nei miei piani. è una cosa che è iniziata e non può finire così. Quando hai innamoramenti te li porti tutta la vita. Faremo qualcosa di inedito». «L'ho scoperto ora…», scherza Francesca. «Te l'ho detto l'altra sera, eri ubriaca», ribatte l'amica. 

 

Per Francesca Michielin si tratta di una veste nuova, ma un ruolo che la fa sentire pienamente a suo agio. Un valore aggiunto per Emma Marrone avere come direttrice d’orchestra una cantante. «Dirigere è una responsabilità. Voglio che sia tutto perfetto per lei .- dichiara Michielin - Tante polemiche non le ho lette, sto nella musica e adoro vivere in questa dimensione. Siccome devo dirigere i musicisti che mi scrivono e mi ringraziano, non me ne frega di presunti articoli». 

 

Infine, una domanda sul gesto femminista del triangolo fatto da Emma durante l'esibizione: «È un modo per ringraziare le donne che si sono battute e che usavano questo simbolo… Se possiamo permetterci anche di essere puttane è grazie a loro, ma viviamo in un Paese in cui la donna deve ancora lavorare molto. Ci sono ancora un po’ di cose da smuovere. Qualcuno si è indignato, qualcuno mi ha ringraziato. Sono 10 anni che faccio gestacci. Quando ci metti la faccia rischi di perdere, ma non sono mai scesa a compromessi, sono libera».

© RIPRODUZIONE RISERVATA