«Sanremo premi Peppino Di Capri», la mobilitazione del web

di Federico Vacalebre

2
  • 1368
Per partecipazioni, 15, a Sanremo Peppino Di Capri è il recordman, alla pari di Milva, Toto Cutugno e Al Bano. Come numero di vittorie (due, nel 1973 con «Un grande amore e niente più» e nel 76 con «Non lo faccio proprio più») si piazza alle spalle di Claudio Villa (4), Domenico Modugno (4) e Iva Zanicchi (3). I Beatles lo vollero come supporter del loro unico tour italiano nel 1965. Ha rimodernizzato la canzone napoletana («Malatia»), lanciato il twist, fatto ballare la gioventù italiana dei favolosi anni 60, lanciato hit come «Roberta» e «Champagne», ha conquistato il titolo di re del night, prima di diventare un senatore ed un evergreen della canzone italiana. Ha festeggiato nei mesi scorsi, tra il San Carlo e la sua isola, i suoi primi sessant'anni di carriera. Basterebbe questo per spiegare l'appello, partito in rete con un tweet del giornalista Franco Troncarelli, perché il prossimo Sanremo lo premi alla carriera, come successo, l'anno scorso, dopo una campagna di mobilitazione degli addetti ai lavori innescata da Cristiano Malgioglio, con Milva (ammalata, fece ritirare il riconoscimento dalla figlia Martina Corgnati).

Hanno aderito subito in tanti: Renzo Arbore, Maurizio Costanzo, Edoardo Bennato, Carlo Verdone, Lillo & Greg, Lorena Bianchetti, Michele Bovi, il direttore del «Corriere dello sport» Ivan Zazzaroni, il paroliere Alberto Salerno («Io vagabondo», «Terra promessa», «Lei verrà»), la collega (e sceneggiatrice e scrittrice) Carla Vistarini, Giorgio Verdelli, l'autore di «Unici» per Raidue.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Martedì 8 Gennaio 2019, 07:00 - Ultimo aggiornamento: 08-01-2019 18:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2019-01-08 15:03:24
E' un GRANDE.
2019-01-08 08:09:39
Affinale caffatto?

QUICKMAP