Eduardo De Filippo, spunta la lettera inedita: «Grazie cara maestra, mia o di Peppino»

Martedì 12 Gennaio 2021 di Giovanni Chianelli
Eduardo De Filippo, spunta la lettera inedita: «Grazie cara maestra, mia o di Peppino»

«Voglia scusare il ritardo nella risposta, con la mia compagnia viaggiamo sempre, e specialmente ora facciamo un giro di un giorno o due per ogni Capoluogo di provincia». Una lettera, datata 24 febbraio 1956, a firma di Eduardo De Filippo, nascosta da decenni. Salta fuori durante un trasloco dall'archivio privato di un quarantenne napoletano, Giovanni Conforti.

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
© RIPRODUZIONE RISERVATA