Gino Cogliandro morto a 72 anni: addio al cabarettista napoletano membro del trio comico Trettré

Gino Cogliandro morto a 72 anni: addio al cabarettista napoletano membro del trio comico Trettré
Martedì 23 Agosto 2022, 15:05 - Ultimo agg. 19:55
3 Minuti di Lettura

Lutto nel teatro napoletano: è morto all'età di 72 anni Gino Cogliandro, il cabarettista membro del trio comico Trettré popolarissimo negli anni Ottanta. «Quanto mi e ci dispiace? Tanto, tantissimo. Ripeto: a me, me pare 'na strunzata», scrive il conduttore radiofonico Gianni Simioli, nel darne la notizia, riprendendo la frase diventata un tormentone del trio.

I Trettrè - con Gino Cogliandro, Edoardo Romano e Mirko Setaro - è stato un gruppo di cabaret che ha avuto grande successo tra gli anni Ottanta e Novanta, prima con la partecipazione allo storico programma televisivo Drive In, poi con I-taliani e tante edizioni di Buona Domenica. Al cinema Cogliandro ha preso parte a numerosi film: da “Joan Lui”, con la regia di Adriano Celentano, a “Fantozzi 2000 - La clonazione”. Ma anche “Italian Fast Food”, commedia cult degli anni Ottanta, fino a “Made in China napoletano” per la regia di Simone Schettino nel 2017. Da ricordare anche il “Tg delle vacanze”, andato in onda nelle estati del 1991 e del 1992, con la sigla “Beach on the Beach”, che diventò un grandissimo successo commerciale. 

Celebre a cavallo degli anni Ottanta e Novanta, il trio iniziò a muovere i propri passi nel 1975, col nome de I Rottambuli e con una formazione che vedeva, al posto di Cogliandro, Peppe Vessicchio, che lasciò per indirizzarsi alla carriera musicale. Attivo soprattutto nell'ambito dell'avanspettacolo e dei locali notturni fino alla fine degli anni Settanta, il gruppo - rinominatosi I Trettré dopo la defezione di Vessicchio e l'ingresso di Cogliandro, cominciarono presto ad emergere sulla scena cabarettistica nazionale fino al farsi ingaggiare in diversi programmi televisivi tra cui Il barattolo, Il ponte sulla Manica e Lo scatolone. A partire dal 1983, poi, divennero una presenza quasi fissa di Drive In, affiancando al contempo Paolo Villaggio nei programmi Un fantastico tragico venerdì e Che piacere averti qui, conquistando così una notevole fama presso il pubblico televisivo. 

Una volta scioltisi, i Trettré hanno perseguito individualmente carriere in televisione ed a teatro: Mirko Setaro ha collaborato come autore a diversi programmi Mediaset, Edoardo Romano ha realizzato una piccola parte nel film “La rivincita di Natale” con Diego Abatantuono mentre Cogliandro è stato uno degli inviati della trasmissione Forum e s'è cimentato come commediografo realizzando, tra gli altri, gli spettacoli “Otello ma non troppo”, “A volte se ne Vanno” e “Cavoli all'ananas”. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA