Scala, niente sauditi nel Cda: «Restituiremo i soldi. Pereira fino al 2020»

Scala, niente sauditi nel Cda: «Restituiremo i soldi. Pereira fino al 2020»
La Scala restituirà «immediatamente» i due bonifici da tre milioni di euro e da 100 mila euro fatti lo scorso 4 marzo dal ministro della Cultura dell'Arabia Saudita, lo sceicco Badr bin Abdullah bin Mohammed Al Farhan. Tramonta così la possibilità di un ingresso saudita nel consiglio di amministrazione del teatro.

La decisione di rifiutare i soldi inviati in modo «non conforme» alle norme del teatro, senza una causale nel bonifico, è stata presa «all'unanimità» oggi dal cda e annunciata dal sindaco Giuseppe Sala, che è presidente della Scala, in una conferenza stampa nel ridotto dei palchi in cui si è presentato solo. Senza quindi il sovrintendente Alexander Pereira che ha seguito la partita con l'Arabia Saudita, diventando bersaglio di critiche in particolare dalla Lega tanto che il governatore della Lombardia Attilio Fontana aveva ieri definito il suo comportamento «da licenziamento».

Nessuno ha però chiesto la sua testa durante la riunione di oggi, nemmeno - ha sottolineato Sala - il rappresentante della Regione Philippe Daverio. «Certamente Pereira rimane al suo posto» fino alla scadenza del contratto, nel 2020. Insomma, il manager austriaco resterà alla guida del teatro ancora un anno, ma difficilmente di più. Secondo Sala, il sovrintendente «si è mosso in buona fede dal punto di vista della ricerca di partnership», ma la vicenda «gli è scappata di mano».

«A Pereira imputo una grande ingenuità. È in Italia da un pò di anni e dovrebbe capire il meccanismo: se pensi che un politico ti dica una cosa e poi il giorno ripeta la stessa cosa... te lo sogni» è sbottato. La sua, però, non è una chiusura totale ai sauditi, che avrebbero portato al teatro 22 milioni di euro (15 in cinque anni come soci e 7 per aprire un conservatorio rivolto a bambine e bambini a Riad). «Se qualcuno ritiene che coi sauditi non si debba parlare non siede in questo cda - ha puntualizzato il sindaco -. La Scala ha sempre parlato con tutti i Paesi del mondo».

E quindi da un lato è confermata la tournée del teatro del 2020 e dall'altro c'è la possibilità di lavorare a nuove intese (sul conservatorio, ad esempio, si dovrà prima esprimere il cda dell'Accademia della Scala). «Noi non abbiamo preclusioni verso i sauditi. O il nostro governo ci dà una black list dicendo con questi e altri non parlate - ha osservato - o non ci sentiamo di dire no».

Certo se Pereira per ora resta, sembra lontanissima una sua conferma. Fatto uscire il sovrintendente, nell'ultima parte del cda ha fatto la sua relazione la società Egon Zehnder, incaricata «per colpa» del sindaco che non voleva discussioni in cda di fornire una rosa di una decina di possibili candidati a sostituirlo: si va dal sovrintendente della Fenice Fortunato Ortombina al direttore del Met Peter Gelb, dal direttore dello Stabile di Torino Filippo Fonsatti fino al sovrintendente di Roma Carlo Fuortes, che saranno contattati per verificare le disponibilità e poi la short list sarà discussa «entro un mese e mezzo» in cda, ha spiegato Sala. L'orientamento è in futuro di avere un sovrintendente e un direttore artistico, a differenza di quanto accade ora con Pereira che ricopre entrambe le cariche.
Lunedì 18 Marzo 2019, 17:49 - Ultimo aggiornamento: 18-03-2019 18:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP