Ermione, dopo il San Carlo un clic per rivedere l'opera

Lunedì 11 Novembre 2019
Il raro capolavoro di Rossini al San Carlo
In teatro sono terminate le repliche di “Ermione”, ma in rete è ancora possibile assistere alla rara opera di Rossini messa in scena dal San Carlo. Grazie a OperaVision, il circuito internazionale dedicato alla lirica che ha proposto l'altra sera la diretta streaming, il filmato resterà libero di essere cliccato per sei mesi, fino all'8 maggio del 2020. Cantata in italiano con sottotitoli in inglese “Ermione” fu rappresentata la prima volta al San Carlo nel 1819 senza molto successo tanto che non fu ripresa per tutto l'Ottocento. Da qualche anno è stata riscoperta e Napoli, dopo l'edizione curata da Roberto De Simone del 1988, la ripropone in un ciclo dedicato ai lavori 'seri' di Rossini in un nuovo allestimento con la regia di Jacopo Spirei e il soprano americano Angela Meade nel ruolo del titolo. Le scene dello spettacolo sono firmate dal Nikolaus Webern e i costumi sono disegnati da Giusi Giustino. Sul podio Alessandro De Marchi, nel cast Teresa Iervolino (Andromaca), Antonino Siragusa (Oreste) John Irvin (Pirro) e il piccolo Lorezo Mattia Moreschi come Astianatte. A curare la regia video è Alberto Massarese, autore anche di un interessante dietro le quinte che racconta la nascita dell'opera con una intervista allo studioso e collezionista rossiniano Sergio Ragni. Con questa rarità, il San Carlo partecipa a OperaVision, un progetto che riunisce ventinove teatri d’opera di diciassette diversi paesi europei, sostenuto dal programma Creative Europe dell’Unione Europea sotto la supervisione editoriale di Opera Europa, per una piattaforma per lo streaming video delle opere e la visione on demand di una ricca selezione di produzioni. In occasione delle celebrazioni per il World Opera Day del 25 ottobre, è stato scelto di trasmettere il nuovo allestimento del “Don Giovanni” di Mozart andato in scena al Teatro dell’Opera di Roma con il soprano napoletano Maria Grazia Schiavo nei panni di Donna Anna.

  © RIPRODUZIONE RISERVATA