Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Alessandro Zan a Verissimo: «Mio padre non mi parlava, poi si è ammalato»

Sabato 6 Novembre 2021
Alessandro Zan a Verissimo: «Mio padre non mi parlava, poi si è ammalato»

Alessandro Zan si racconta a Verissimo e rassicura sul Ddl che porta il suo nome: «La bocciatura non è stata una sconfitta. Continueremo la battaglia». Il parlamentare ha voluto fortemente una legge contro le discriminazioni e l'omofobia avendole vissute sulla sua pelle. Il coming out non fu facile soprattutto perché il padre smise di parlargli. Tutto è cambiato dopo la malattia e poco prima di morire.

Video

Alessandro Zan a Verisismo

«È la storia di un attivista gay che ha avuto una vita difficile e che voleva dare un contributo per aiutare le persone vittime di bullismo e di discriminazione rendendo questo Paese più civile», esordisce Zan parlando con Silvia Toffanin. Poi parla della sua adolescenza e delle difficoltà nel comunicare la sua omosessualità: «Ho conosciuto la paura quando mi sono reso conto che essere gay non era un’opzione possibile nella società in cui vivevo. In famiglia non era accettato e i miei compagni di classe facevano battute omofobe. L’unica possibilità che avevo era nascondermi.  Non scegli tu di essere gay, l’ho scoperto molto presto. Ho vissuto le discriminazioni sulla mia pelle. Mi sembrava di essere l’unico omosessuale al mondo. I miei compagni erano omofobi, ma non era colpa loro. Io ho subito del bullismo e l’ho un po’ rimosso. Tutto questo fa male».

Alessandro Zan, il rapporto con il padre

«In Inghilterra mi sono sentito libero, così quando sono tornato ho parlato con mia mamma. Con mio padre, però, è stato una tragedia: si è messo le mani in faccia e ha detto ‘io non capisco più niente’ e da lì non ci siamo più parlati. Allora ho deciso di andarmene di casa. Studiavo e lavoravo, ero arrivato a non avere neanche cinque euro in tasca. Un momento difficile, ma necessario perché poi ci siamo riuniti». Dopo un po' il papà ha iniziato a sostenerlo «Mi ha detto ‘quando ti sposi con un uomo?’ e lì ho capito che lo aveva accettato. Si è anche impegnato nella mia campagna elettorale». Infine, qualche domanda sul suo privato e il lavoro in Parlamento: «Al momento non ho un compagno, gli impegni sono tanti, ma spero che capiti presto. Il Ddll Zan? Quelle urla da stadio dopo la bocciatura  ci hanno fatto vergognare, ma la battaglia continua, la devo soprattutto ai ragazzi».

Ultimo aggiornamento: 8 Novembre, 09:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA