Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Allison Mack, la star di Smallville condannata per traffico sessuale: reclutava donne per conto di una setta

Giovedì 1 Luglio 2021
Allison Mack, la star di Smallville condannata per traffico sessuale: reclutava donne per conto di una setta

È stata condannata a 3 anni di reclusione l'attrice statunitense Allison Mack, nota in Italia soprattutto per aver interpretato Chloe Sullivan nella serie Smallville. La 39enne si è dichiarata colpevole in tribunale a Brooklyn, ammettendo di aver reclutato donne per la setta sessuale "NXIVM". L'attrice rischiava fino a 20 anni di carcere per le accuse di traffico sessuale, ma collaborando con i giudici è riuscita a ottenere 3 anni e una multa da 20mila dollari. 

Bill Cosby torna libero, annullata la condanna per violenza sessuale. L'accusatrice: «Scoraggia le donne a denunciare»

Allison Mack condannata, che cos'è la setta NXIVM

L’organizzazione "NXIVM" nasce come una rete di auto-aiuto femminile, ma in breve tempo era diventata una setta dedita allo sfruttamento sessuale nelle mani del sedicente guru Keith Raniere. Allison Mack si occupava di reclutare donne, che finivano per essere manipolate, sfruttate sessualmente e persino marchiate con le iniziali del fondatore della setta. Keith Raniere è stato arrestato nel 2018 e condannato a 120 anni di carcere. In una lettera letta in tribunale, Mack ha così descritto il suo profono pentimento: «È stato il più grande errore e il più grande rimpianto della mia vita. Mi dispiace per quelli di voi che ho portato in NXIVM. Mi dispiace di averiv esposto agli schemi nefasti ed emotivamente violenti di un uomo contorto». I giudici hanno deciso di "graziare" l'ex star di Smallville perché ha collaborato con le indagini e per il pentimento mostrato.

Ultimo aggiornamento: 3 Luglio, 12:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA